Festa della lingua napoletana 2016 a Napoli

Dal 6 all’8 maggio, presso la Casina Pompeiana della Villa Comunale di Napoli, V edizione della festa dedicata alla lingua napoletana

festa della lingua napoletana 2016Avrà luogo presso la Casina Pompeiana nella Villa Comunale di Napoli, nei giorni 6, 7, 8 maggio 2016, la V edizione della festa celebrativa della lingua napoletana, conosciuta come “’A Festa d”a lengua nosta”, con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli e il Patrocinio del Presidente della Regione Campania.
Molti gli eventi in programma:
Venerdì 6 Maggio, giorno di partenza, si inaugura, alle ore 10.00, la biblioteca storica napoletana, una fornita raccolta di libri sul dialetto e la storia di Napoli, che potranno essere consultati gratuitamente da tutti i visitatori, presso la casina pompeiana; una vera e propria biblioteca storica napoletana offerta al pubblico, con i maggiori testi sul dialetto napoletano, sulla storia e le tradizioni di Napoli, grazie alle maggiori case editrici che hanno aderito all’invito dell’associazione Basile, tra queste, la Cuzzolin editore, la Gallina editrice, la editrice Intramoenia e la Colonnese editore. La biblioteca sarà aperta tutti i giorni della festa, ma regolata da un numero chiuso di lettori, ai quali sarà dedicato un angolo comodo dove potersi concedere alla lettura. La biblioteca sarà aperta dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 18.00. Nella casina pompeiana, come noto, è anche stato inaugurato da poche settimane l’archivio storico della canzone napoletana, e anch’esso sarà consultabile grazie all’assistenza dei volontari della Basile, durante i giorni della manifestazione. Durante la stessa giornata di venerdì, alle ore 16.30, inizierà la serie di incontri sulla lingua napoletana, con una lezione per i neofiti e appassionati, sulle regole di base per scrivere correttamente il napoletano, tenuta da Ermete Ferraro, impegnato e apprezzato docente di lettere che dagli anni ’90 ha animato corsi di insegnamento della lingua e cultura napoletana in una scuola media della Vicaria, riscuotendo molto interesse, ed attualmente insegnante al Vomero. E’ lui il promotore ed estensore della proposta di legge regionale sulla tutela e valorizzazione della lingua napoletana, presentata pochi giorni fa. Al termine della lectio, avrà luogo la premiazione degli autori delle opere vincitrici del Premio amatoriale di poesia dialettale.
Sabato 7 maggio, in mattinata, sarà la volta del Prof. Renè Georges Maury, (Geografia – Università “L’Orientale” di Napoli), a fare da padrone di casa con un incontro di studio e di “svago” inerente alla celebrazione del 450.mo anniversario dalla nascita di Giovan Battista Basile, con la partecipazione della Pro Loco Parete e nello specifico: con la presentazione multimediale a tema “Paesaggio vite alberata aversana e vino asprinio nelle terre di G. Basile” con l’intervento di Emilio Falco, Emanuele Coppola (che darà un prezioso contributo alla memoria del Basile) e infine, la Prof.ssa e attrice Teresa Barretta, che interpreterà un piccolo testo, nella lingua antica del Basile. Al termine dell’incontro verrà servita una degustazione del famoso asprinio d’Aversa, attinente, appunto, al tema dell’incontro. Nel pomeriggio di sabato saranno protagoniste le tradizioni, e ad attenderci per uno stage sulla tammorra e danze popolari dell’Agro-Nocerino sarnese, ci sarà una brava artista, famosa negli ambienti della musica popolare, Serena Della Monica, il cui curriculum professionale è lunghissimo, si esibirà nel viale antistante alla casina pompeiana insieme ai suoi allievi e a quanti avranno fatto in tempo a prenotarsi. L’incontro è previsto intorno alle 16,30 fino alla chiusura della giornata con una piccola degustazione di Arteteca, (vino biologico della Basile), e Murtadell’, (bocconcini di mortadella bio, offerti da I Love Murtadell’).
Ultima giornata, domenica 8 maggio. Si inizierà con la presentazione del libro “Il ventre di Scampia”, redatto da un giovane e promettente scrittore napoletano, Emanuele Cerullo, con gli interventi di Flavia Balsamo (Giornalista e critica letteraria) Ernesto Mostardi (Docente e direttore “fuoricentroscampia.it”) e lo stesso Cerullo. La manifestazione si concluderà nel pomeriggio, intorno alle 17.00, con l’evento atteso da molti. Si presenterà, infatti, l’ultimo libro scritto da Carlo Iandolo, dialettologo e scrittore, molto conosciuto negli ambienti esperti della lingua napoletana, oltre ad essere stato molto stimato e apprezzato da tutti quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Egli, infatti, è scomparso agli inizi di aprile, appena pochi giorni dopo la pubblicazione del suo ultimo lavoro, pubblicato da Cuzzolin editore. Saranno presenti alla presentazione del libro dal titolo “Il dialetto di Napoli – Grammatica descrittiva”, l’Assessore alla cultura e turismo del Comune di Napoli, Nino Daniele, l’editore Maurizio Cuzzolin, il Prof. Nicola De Blasi della Federico II e il presidente dell’Associazione Basile, Pasquale Farro.

L’ingresso alla biblioteca e all’archivio storico della canzone napoletana, è gratuito come per tutti gli incontri di studio, ma per questi ultimi è consigliata la prenotazione. Informazioni più dettagliate si possono attingere dai canali dei maggiori social oppure scrivendo a associazionegiambattistabasile@gmail.com

Ti potrebbero anche interessare...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>