'A FURASTERA


(Bovio, E. Murolo, Di Capua – 1906)


 
A vespero è arrivato nu vapore
ch'ha sbarcato na bella furastèra.
Faccella janca, trezza comm'a ll'oro
e ll'uocchie penzaruse e chiare chiare.
 
Di sera è arrivato un vaporetto
da cui è scesa una bella forestiera
Visino pallido, treccia come l'oro
e gli occhi pensierosi e chiari chiari.
 
Oje furastèra, ch' 'a luntano viene,
si staje malata, a Napule te sane;
si 'o furastiero nun te vò' cchiù bene,
t' 'o voglio fá scurdá primma 'e dimane.

Oje furastèra, ch' 'a luntano viene.
 
Oh forestiera, che da lontano vieni,
se sei malata, a Napoli guarisci;
se il forestiero non ti vuol più bene
te lo voglio far dimenticare prima di domani.

Oh forestiera, che da lontano vieni.
 
Voglio passá 'e nnuttate ô Chiatamone
cu 'a scusa 'e respirá ll'aria marina;
cantanno sotto a nu sicondo piano,
cu 'sta chitarra antica, na canzone.
 
Voglio trascorrere le notti in via Chiatamone
con la scusa di respirare l'aria di mare;
cantando sotto ad un secondo piano,
con questa vecchia chitarra, una canzone.
 
Oje furastèra, ch' 'a luntano viene,
………………………………………..
 
Oh forestiera che da lontano vieni,
………………………………………..
 
Pusilleco, Pusilleco addiruso,
suonno d' 'e 'nnammurate 'e tutt' 'e mise,
miéttece 'nfaccia 'o rrusso 'e chesti rrose
e, dint'a ll'uocchie, 'o ffuoco 'e stu paese.
 
osillipo, Posillipo profumato,
sogno degli innamorati di tutti i mesi,
mettile in viso il rosso di queste rose
e, negli occhi, il fuoco di questo paese.
 
Oje furastèra, ch' 'a luntano viene,
………………………………………..
Oh forestiera, che da lontano vieni,
…………………………………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia