'A GELUSIA


(Letico, Ciaravolo)


 
Tu nun haje colpa, 'a colpa è tutt' 'a mia.
Ma comme fuje ca 'e te mme 'nnammuraje?
Nun ce sta ammore senza gelusia,
però 'sta gelusia fa male assaje.

Ma comme fuje ca 'e te mme 'nnammuraje?
 
Tu non hai colpa, la colpa è tutta mia.
Ma come fu possibile che di te mi innamorai?
Non c'è amore senza gelosia,
però questa gelosia fa tanto male.

Ma come fu possibile che di te mi innamorai?
 
Damme nu poco 'adduóbbeco 'int' 'o vino,
ca nun mme fa scetá fino a dimane.
E pe’ tramente dormo a suonno chino,
mme sonno 'e te vasá sti bbelli mmane.
 
Metti un po' di sonnifero nel vino,
che non mi faccia svegliare fino a domani.
E, mentre sto dormendo profondamente,
sogno di baciarti queste belle mani.
 
Tanno vurría cadé buono malato,
quanno sapesse ca t'aggio perduta.
Ma nun vurría sapé ca mm'hê 'ngannato:
ca 'nziem'a n'ato te ne si' partuta.

E pe' nun turná cchiù, te ne si' ghiuta.
 
Allora vorrei ammalarmi davvero,
quando saprò che ti ho persa…
Ma non vorrei sapere che mi hai ingannato:
che insieme ad un altro sei partita.

E per non tornare più, te ne sei andata.
 
Damme nu poco 'adduóbbeco 'int' 'o vino,
si n'ato ammore dint' 'o core tiene.
E pe’ tramente dormo a suonno chino,
'nzuonno mme sonno ca mme vuó' cchiù bene.

Ma comme fuje ca 'e te mme 'nnammuraje?
 
Metti un po' di sonnifero nel vino,
se un altro amore hai nel cuore.
E, mentre sto dormendo profondamente,
nel sonno sogno che mi vuoi più bene.

Ma come fu possibile che di te mi innamorai?
 
Meglio a murì’ e ‘na bona malatia,
tre ghiurne ‘e freva e po’ salute a nuje.
E no a murì’ ogni ghiuorne ‘e gelusia
vedenno a n’ato dint’ all’uocchie tuje.
Meglio meglio a murì, salute a nuje.
Anzi si vuo’ fa’ buo,no oggi o dimane
c’ ‘a scusa e me dà cierti medicine,
io so cuntento si cu’ ‘e stessi mmane
che m’hanno accarezzato tu m’avveline
Meglio morire di una buona malattia,
tre giorni di febbre e poi saulti a noi.
E non morire ogni giorno di gelosia
guardando un altro neglio occhi tuoi.
Anzi, se vuoi fare una cosa buona, oggi o domani,
col pretesto di darmi alcune medicine,
sono contento se con le stesse mani
che mi hanno accarezzato tu mi avveleni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia