'A LEGGE


(P. Vento, E. A. Mario – 1919)


 
Mm'ammanettate ccá? Che mme ne 'mporta.
Chist'è 'o duvere vuosto: ccá stongh'i'.
Nun mme ne pento. Ll'aggi'accisa…è morta?
Chesta commedia êv' 'a ferní accussí.
 
Mi ammanettate qua? Cosa me ne importa.
Questo è il vostro dovere: io sono qui.
Non me ne pento. L'ho uccisa… è morta?
Questa commedia doveva finire così.
 
Fa chiagnere vedennola ccá 'nterra,
accussí bella e tanto malamente.
Nèh, dint'a niente mme disprezza, va a spusá,
si scorda e me… e i' ch'ero, marisciá'?
Na cosa 'e niente?
 
Fa piangere vederla qui in terra,
così bella e così cattiva.
Neh, in un niente mi disprezza, si sposa,
si dimentica di me… e io cos'ero, maresciallo?
Una cosa da niente?
 
Ce 'o vvoglio rinfacciá mo ch'è fernuto:
stu tradimento nun ll'avev''a fá.
Io carcerato, essa 'int' 'o tavuto,
mamma ca chiagne e nun mme pò salvá.
 
Glie lo voglio rinfacciare ora che è finita:
questo tradimento non doveva farlo.
Io carcerato, lei nella bara,
mamma che piange e non può salvarmi.
 
"Ma piéntete na vota" lle dicevo,
"pecché mm' 'o ffaje,
pecché mme miette 'ncroce?
'Sta vocca doce no, nun vasa sulo a me,
'nfama ca si'".
Che 'nfama brigadié',
mm'ha miso 'ncroce!
 
"Ma pentiti una volta" le dicevo,
"perchè mi fai questo,
perchè mi metti in croce?
Questa bocca dolce no, non bacia solo me,
infame che sei".
Che infame brigadiere,
Mi ha messo in croce!
 
Cu 'a veste 'e sposa è ghiuta dint' 'a cchiesa
e,'nnanze a Dio, a n'ato ha ditto Sí.
E' stato pe' leggittima difesa
ca ll'aggi'accisa, o essa o murev'i'!
 
Con l'abito da sposa è andata in Chiesa
e, davanti a Dio, a un altro ha detto Sì
E' stato per legittima difesa
che l'ho uccisa, o lei o sarei morto io!
 
Tu, giudice,
mm'accuse e mme cundanne,
ma tu, accussí, nun rappresiente 'a legge.
Gente cchiù peggia ll'hê mannata a libertá,
pènzace tu.
Tu â casa mm'hê 'a manná
si 'a legge è legge.
Tu, giudice,
mi accusi e mi condanni,
ma tu, così, non rappresenti la legge.
Gente peggiore l'hai mandata in libertà,
pensaci tu.
A casa mi devi mandare
se la legge è legge.

2 commenti su “‘A legge

  1. grazie per la cultura di Napoli diffusa da Voi. Ero bimba quando la mia mamma la cantava.

  2. Si bellissma canzone e la cantava anche mia madre però penso che non ne comprendesse davvero il significato. Purtroppo il femminiidio nasce prprio da questo stampo, per cui dobbiamo apprezzarla come canzone, ma disprezzarla profondamente nel suo significato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia