'A LUNA 'E NAPULE


(Bovio, Spagnuolo)


 
Oje luna, meza triste e meza allèra,
tu nun si' rrobba 'e ccá, si' rrobba 'e fore.
Te canuscette e fuje na primmavera,
tant'anne fa, quanno, p' 'a via d' 'o mare,
giuvinuttiello, mme purtaje ll'ammore.
 
Oh luna, mezza triste e mezza allegra,
tu non sei di qui, sei straniera.
Ti conobbi e fu una primavera,
tanti anni fa, quando, per la via del mare,
da giovane, mi portò l'amore.
 
No, tu nun si' 'e ll'America,
no, tu si' 'a luna 'e Napule.
Mé', párlame 'e Pusilleco,
'o cielo mio che fa?
 
No, tu non sei americana,
no, tu sei la luna di Napoli.
Dai, parlami di Posillipo,
il mio cielo che fa?
 
Ma 'a luna, 'a luna 'e Napule,
s'ha cummigliato ll'uocchie cu na nuvola,
senza puté parlá.
 
Ma la luna, la luna di Napoli,
si è coperta gli occhi con una nuvola,
senza poter parlare.
 
Ca si luntano mme purtaje ll'ammore,
'nzuonno, mme sonno, tutt' 'e nnotte, 'o mare.
Mare che canta meglio 'e nu tenóre
e canta sempe, da 'a matina â sera,
mare che è cchiù turchino 'e tutt' 'e mare.
 
Anche se lontano mi portò l'amore,
nel sonno, mi sogno, tutte le notti, il mare.
Mare che canta meglio di un tenore
e canta sempre, da mattina a sera,
Mare che è più azzurro di tutti i mari.
 
No, tu nun si' 'e ll'America,
………………………………
 
No, tu non sei americana,
……………………………..
 
E dimme, oje luna: "E' vierno o è primmavera?"
Dimme: A 'o paese mio se canta ancora?
Lùceno sempe 'e lume p' 'a Riviera?
No, ninno mio, ma 'a notte, dint' 'o scuro,
quacche chitarra va sunanno ancora.
 
E dimmi, oh luna: "E' inverno o primavera?
Dimmi: Al mio paese si canta ancora?
Luccicano sempre i lampioni per la riviera?"
"No, piccolo mio, ma di notte, nel buio,
qualche chitarra suona ancora".
 
No, tu nun si' 'e ll'America,
………………………………
No, tu non sei americana,
……………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia