A MARECHIARO


(Di Giacomo, Tosti – 1886)


 
Quanno spónta la luna a Marechiaro,
pure li pisce nce fanno a ll'ammore.
Se revòtano ll'onne de lu mare,
pe' la priézza cágnano culore.

Quanno sponta la luna a Marechiaro.
 
Quando spunta la luna a Marechiaro,
anche i pesci fanno l'amore.
Si rivoltano le onde del mare:
per l'allegria cambiano colore.

Quando spunta la luna a Marechiaro.
 
A Marechiaro ce sta na fenesta:
la passiona mia ce tuzzuléa.
Nu garofano addora 'int'a na testa,
passa ll'acqua pe' sotto e murmuléa.

A Marechiaro ce sta na fenesta.
 
A Marechiaro c'è una finestra:
la mia passione ci bussa.
Un garofano profuma in un vaso,
sotto passa l'acqua e mormora.

A Marechiaro c'è una finestra.
 
Chi dice ca li stelle só lucente,
nun sape st'uocchie ca tu tiene 'nfronte.
Sti ddoje stelle li ssaccio i' sulamente,
dint'a lu core ne tengo li ppónte.

Chi dice ca li stelle só lucente?
 
Chi dice che le stelle brillano,
non conosce questi occhi che hai in fronte.
Questi due stelle le conosco solo io,
nel cuore ne ho le punte.

Chi dice che le stelle brillano?
 
Scétate, Carulí, ca ll'aria è doce.
Quanno maje tantu tiempo aggi'aspettato?
P'accumpagná li suone cu la voce,
stasera na chitarra aggio purtato.

Scétate, Carulí, ca ll'aria è doce.
Svegliati, Carolina, l'aria è dolce
Quando mai ho aspettato tanto tempo?
Per accompagnare i suoni con la voce,
questa sera ho portato una chitarra.

Svegliati, Carolina, che l'aria è dolce.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia