'A NUVENA


(Di Giacomo, De Leva – 1887)


 
Nu zampugnaro 'e nu paese 'e fora,
lassaje quase 'nfiglianza la mugliera.
Se partette pe' Napule 'e bon' ora
sunanno, allero allero: ullèro, ullèro.
 
Uno zampognaro di un paese di fuori,
lasciò la moglie quasi partoriente.
Partì per Napoli di buon ora
suonando, allegro allegro: ullèro, ullèro.
 
E ullèro, ullèro.
Ma nun era overo:
'o zampugnaro,
penzava â mugliera
e suspirava
e 'a zampogna, 'e suspire s'abbuffava.

Ah…ah…
 
E ullèro, ullèro.
Ma non era vero:
lo zampognaro,
pensava alla moglie…
e sospirava…
e la zampogna, si gonfiava di sospiri.

Ah…ah…
 
Cuccato 'ncopp' 'a paglia, 'o Bammeniello,
senza manco 'a miseria 'e na cuperta,
durmeva, 'mmiez'â vacca e ô ciucciariello,
cu ll'uocchie 'nchiuse e cu 'a vucchella aperta.
 
Sdraiato sulla paglia, il Bambinello,
senza neanche lo straccio di una coperta,
dormiva, tra il bue e l'asinello,
con gli occhi chiusi e con la bocca aperta.
 
E ullèro, ullèro
che bella faccella,
che bella resélla,
faceva Giesù
quanno 'a Madonna
cantava: "Core mio, fa' nonna nonna".

Ah…ah…
 
E ullèro, ullèro…
che bel faccino,
che bel sorrisino,
faceva Gesù
quando la Madonna
cantava: "Cuore mio, fai la nanna".

Ah…ah…
 
Mmerz' 'e vintuno, 'e vintiduje d' 'o mese,
na lettera lle dettero â lucanna.
'Sta lettera veneva da 'o pagghiese
e sotto era firmata: Marianna.
 
Verso il ventuno, ventidue del mese,
gli diedero una lettera alla locanda.
questa lettera arrivava dal paese
e sotto era firmata: Marianna.
 
"E ullèro, ullèro.
Sto bene in salute
e cosí spero
sentire di te:
sono sgravata
e duje figlie aggio fatto, una figliata".

Ah…ah…
 
"E ullèro, ullèro.
Sto bene in salute
e così spero
di sentirti:
ho partorito
e ho fatto due figli, una figliata."

Ah…ah…
 
Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,
e nuje pigliammo 'e guaje cchiù alleramente.
Tasse, case cadute, freddo e gelo,
figlie a zeffunno, e pure nun fa niente.
 
Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,
e noi prendiamo i guai più allegramente.
Tasse, case cadute, freddo e gelo,
figli a iosa, eppure non fa niente.
 
Ullèro, ullèro.
Sunate e cantate.
Sparate, sparate
ch'è nato Giesù!
Giesù Bambino.
E 'a Vergine Maria s' 'o tene 'nzino.

Ah…ah…
Ullèro, ullèro.
Suonate e cantate
Sparate, sparate
che è nato Gesù!
Gesù Bambino.
E la Vergine Maria lo tiene in grembo.

Ah…ah…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia