'A PICCIOTTA


(G. De Curtis – 1895)


 
Pe’ destino mme trovo a Surriento:
Fore ê mmura, int”e ffrasche, ‘int”e rrose,
addó’ penz’e i’ ogn’ore e mumente,
addó’ maje nun mme stanco ‘e cantá.
Si cunusce stu suono ‘e ‘sta voce,
si capisce io che voglio da te.
Arape sti pporte:
te voglio vedé!
 
Per destino mi trovo a Sorrento:
fuori dalle mura, tra le frasche, tra le rose,
dove pensi di andare ogni ora e ogni momento,
dove mai mi stanco di cantare.
Se conosci il suono di questa voce,
si capisce cosa io voglio da te.
Apri queste porte:
ti voglio vedere.
 
E' passato giá n'anno d'ammore
e, cu 'o tiempo, se scorda ogne male.
Quanta strazie mm'hê dato a stu core,
quanta notte mm'hê fatto scetá.
Si cunusce stu suono 'e 'sta voce,
si capisce io che voglio da te,
arape sti pporte:
te voglio vedé.
 
E' passato già un anno d'amore
e, col tempo, si dimentica ogni male.
Quanti strazi hai dato a questo cuore,
quante notti mi hai fatto svegliare.
Se conosci il suono di questa voce,
si capisce cosa io voglio da te,
apri queste porte:
ti voglio vedere.
 
Mme risponne na voce 'a luntano:
"Nèh, cumpá', pe' chi cante e suspire?
T'hê scurdato addó' sta Tramuntano1?
'A cchiù bella picciotta sta llá.
'Sta canzone che cante è perduta,
manco ll'aria se smove da ccá!
'E pporte só' chiuse:
haje voglia 'e cantá.
Mi risponde una voce da lontano:
"Ehi, compare, per chi canti e sospiri?
Ti sei dimenticato dov'è Tramontano1?
La più bella ragazza sta là.
Questa canzone che canti è persa,
neanche l'aria si muove da qua!
Le porte sono chiuse:
hai voglia a cantare.


1 Potrebbe essere l'hotel in cui era ospite G. B. De Curtis, che prendeva il nome dall'omonimo commendatore, barone e sindaco della città.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia