'A PIZZA


(Testa, Martelli – 1966)


 
Io te 'ncuntraje:
na vocca rossa comm'a na cerasa,
na pelle prufumata 'e fronne 'e rose.
Io te 'ncuntraje…
Volevo offrirti,
pagandolo anche a rate,
nu brillante 'e quínnece carate.
 
Ti ho incontrata:
una bocca rossa come una ciliegia,
una pelle profumata di petali di rosa.
Io ti ho incontrata…
Volevo offrirti,
pagandolo anche a rate,
un brillante di quindici carati.
 
Ma tu vulive 'a pizza,
'a pizza, 'a pizza
cu 'a pummarola 'ncoppa,
cu 'a pummarola 'ncoppa.
Ma tu vulive 'a pizza,
'a pizza, 'a pizza,
cu 'a pummarola 'ncoppa,
'a pizza e niente cchiù.
 
Ma tu volevi la pizza,
la pizza, la pizza,
con il pomodoro sopra,
con il pomodoro sopra.
Ma tu volevi la pizza,
la pizza, la pizza,
con il pomodoro sopra,
la pizza e niente più.
 
Io te purtaje
addó' ce stanno 'e meglie risturante,
addó' se mangia mentre 'o mare canta.
Io te purtaje…
Entusiasmato 'a tutte st'apparate,
urdinaje nu cefalo arrustuto.
 
Io ti ho portata
dove ci sono i migliori ristoranti,
dove si mangia mentre il mare canta.
Io ti ho portata…
Entusiasmato da tutti questi apparati,
ordinai un cefalo arrostito.
 
Ma tu vulive 'a pizza,
……………………….
 
Ma tu volevi la pizza,
……………………….
 
Io te spusaje,
'o vicinato e 'a folla d' 'e pariente
facevano nu sacco 'e cumplimente.
Io te spusaje…
All'improvviso,
tra invite e battimane,
arrevaje
na torta 'e cinche piane.
 
Io ti ho sposata,
il vicinato e la folla di parenti
facevano un sacco di complimenti.
Io ti ho sposata…
All'improvviso,
tra inviti e applausi,
è arrivata
una torta di cinque piani.
 
Ma tu vulive 'a pizza,
……………………….
Ma tu volevi la pizza,
……………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia