'A RETIRATA


(Di Giacomo, Costa – 1887)


 
Gioia bella,
pe' te vedé,
ch'aggio fatto
nun puó' sapé.
 
Gioia bella,
per vederti,
cosa ho fatto
non puoi sapere.
 
Si putesse parlá stu core,
quanta cose vulesse dí,
ma, chiagnenno pe' lu dulore,
io mm' 'o scippo pe' nn' 'o sentí!
 
Se potesse parlare questo cuore,
Quante cose vorrebbe dire,
ma, piangendo per il dolore,
me lo strappo per non sentirlo!
 
Napule e nénne belle,
addio v'avimm' 'a dí.
Sentite 'a retirata?
Ce n'avimmo da trasí.
 
Napoli e ragazze belle,
addio vi dobbiamo dire.
Sentite la ritirata?
Dobbiamo rientrare.
 
Dice 'a gente,
parlanno 'e me,
ca si parto
mme scordo 'e te.
 
Dice la gente,
parlando di me,
che se parto
mi dimentico di te.
 
A 'sta gente, stu core mio
pe' risposta tu fa' vedé.
E dincello ca si part'io,
tiene 'mmano nu pigno 'e me.
 
A questa gente, questo mio cuore
fai vedere come risposta.
E digli che se io parto,
hai nella mani un mio pegno.
 
Napule e nénne belle,
…………………………
 
Napoli e ragazze belle,
…………………………
 
Gioia bella,
te ll'aggi' 'a dí
ca dimane
s'ha da partì.
 
Gioia bella,
te lo devo dire
che domani
si deve partire.
 
Statte bona, puó' stá sicura,
cu 'a medaglia voglio turná.
A stu core tiénece cura,
si nun torno, nun 'o jettá.
 
Stammi bene, puoi stare tranquilla,
con una medaglia voglio tornare.
Di questo cuore abbi cura,
se non torno, non lo buttare.
 
Napule e nénne belle,
…………………………
Napoli e ragazze belle,
…………………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia