'A RUMBA D' 'E SCUGNIZZE

(Viviani – 1932)
 

Chesta è 'a rumba d' 'e scugnizze
ca s'abballa a tutte pizze.
Truove 'e ddame, 'mpizze 'mpizze,
ca te fanno duje carizze
pe' te fá passá 'e verrizze.
Strette 'e mane, vase e frizze.
Pruove gusto e te ce avvizze,
cchiù te sfrine e cchiù t'appizze.
Comm'a tanta pire nizze,
te ne scinne a sghizze a sghizze,
fino a quanno nun scapizze.
Chest'è 'a rumba d' 'e scugnizze.
 
Questa è la rumba degli scugnizzi
che si balla dovunque.
Trovi subito le dame, subito,
che ti fanno due carezze
per farti passare i desideri.
Strette di mano, baci e sollazzi.
Ci provi gusto e ti ci abitui,
più ti sfreni e più ti ecciti.
Come tante pere mature,
ti afflosci a schizzi a schizzi,
fino a quando non cadi.
Questa è la rumba degli scugnizzi.
 
'O rilorgio, mo capisco,
pecché 'o cerco e nun 'o trovo.
Steva appiso.
E' ghiuto ô ffrisco:
c'è rimasto sulo 'o chiuovo.
 
L'orologio, ora capisco,
perchè lo cerco e non lo trovo.
Stava appeso.
E' andato al fresco:
è rimasto solo il chiodo.
 
'O chiuovo i' tengo.
Cic – cic – cic – cí.
Bell' 'e 'ammere.
Cic – cic – cic – cí.
Scarole ricce p' 'a 'nzalata.
Cic – cic – cic – cí.
Fenócchie.
Cic – cic – cic – cí.
'O spassatiempo.
Cic – cic – cic – cí.
Mo t' 'e ccoglio e mo t' 'e vvengo.
Cic – cic – ci – cí.
Gué, ll'aglie.
Cic – cic – cic – cí.
 
Il chiodo ce l'ho.
Cic – cic – cic – cì.
Belli i gamberi.
Cic – cic – cic – cì.
Scarole ricce per l'insalata.
Cic – cic – cic – cì.
Finocchi.
Cic – cic – cic – cì.
Il passatempo.
Cic – cic – cic – cì.
Ora te li colgo e ora te li vendo.
Cic – cic – cic – cì.
Ohè, l'aglio.
Cic – cic – cic – cì.
 
Chesta è 'a rumba d' 'e scugnizze.
Assettáteve, assettáteve.
Ca s'abballa a tutte pizze.
'O quadrillo1 e 'a figurella!
Truove 'e ddame, 'mpizze 'mpizze.
'O mastrillo e 'a rattacasa.
ca te fanno duje carizze.
Quant'è bello 'o battilocchio.
Pruove gusto e te ce avvizze.
Pe' chi tene 'a moglie pazza.
Cchiù te sfrine e cchiù t'appizze.
Quatto sorde, 'o fenucchietto.
 
Questa è la rumba degli scugnizzi.
Sedetevi, sedetevi
Qui si balla dovunque.
Il quadrillo1 e il santino!
Trovi le dame, subito
La trappola per topi e la grattugia.
che ti fanno due carezze.
Com'è buona la frittella.
Ci provi gusto e ti ci abitui.
Per chi ha la moglie pazza.
Più ti sfreni e più ti ecciti.
Quattro soldi, il finocchietto.
 
Comm'a tanta pire nizze,
te ne scinne a sghizze a sghizze,
fin'a quanno nun scapizze.
Chesta è 'a rumba d' 'e scugnizze!
 
Come tante pere mature
ti afflosci a schizzi a schizzi,
fino a quando non cadi!
Questa è la rumba degli scugnizzi!
 
Puparuole e aulive.
Magnáteve 'o cocco, magnáteve 'o cocco.
Rrobba vecchia.
Pallune p' 'allésse, pallune p' 'allésse.
'E mellune chine 'e fuoco.
Na bona marenna, na bona marenna.
Cotogne.
Gelati, gelati, gelati, gelati.
Conciatièlle.
'A pizza cu 'alice, 'a pizza cu 'alice.
Furno 'e campagna.
'E lazze p' 'e scarpe, 'e lazze p' 'e scarpe.
D' 'o ciardino, tutte secche.
'A capa d' 'o purpo, 'a capa d' 'o purpo!
'O Roma.
 
Peperoni e olive.
Mangiatevi il cocco, mangiatevi il cocco.
Roba vecchia.
Castagne da lessare, castagne da lessare.
I meloni pieni di fuoco.
Una buona merenda, una buona merenda.
Mele cotogne.
Gelati, gelati, gelati, gelati.
Aggiustatore di padelle.
La pizza con le alici, la pizza con le alici.
Forno di campagna.
I lacci per le scarpe, i lacci per le scarpe.
Del giardino, tutte secche.
La testa del polpo, la testa del polpo.
Il Roma.
 
Chella bella Mamma d' 'o Cármene
v' 'o ppava:
nun mm' 'o ppòzzo faticá.
 
Quella bella Madonna del Carmine
ve lo paga:
Non me lo posso lavorare.
 
E' bellella 'a paparella.
Accattateve 'e piatte.
Seje tuvaglie cinche lire.
N'ata pianta p' 'o salotto.
Nocelline americane.
Tengo 'o ggrano p' 'a pastiera.
Pacchianè'2, chi s' 'o ppenzava?
Tiene chistu campo 'e fave.
Cicchignacco 'int' 'a butteglia3.
'O zi' monaco 'mbriacone!
'O vveleno p' 'e scarrafune!
'A dummeneca addó' t' 'a faje?
 
E' graziosa la paperetta.
Compratevi i piatti.
Sei tovaglie cinque lire.
Un'altra pianta per il salotto.
Noccioline americane.
Ho il grano per la pastiera.
Pacchianella2, chi l'avrebbe pensato?
Hai questo campo di fave.
Cicchignacco nella bottiglia3.
Il monaco ubriacone.
Il veleno per gli scarafaggi.
La domenica che luogo frequenti?
 
Comm'a tanta pire nizze,
te ne scinne a sghizze a sghizze,
fino a quanno nun scapizze.
Chest'è 'a rumba d' 'e scugnizze!
Come tante pere mature
ti afflosci a schizzi a schizzi,
fino a quando non cadi.
Questa è la rumba degli scugnizzi!


1 Reliquario della Madonna dei 7 veli di Gerusalemme, con il quale le cosiddette Monache di casa leggevano o il presente ignoto o il futuro attraverso delle immagini, a volte anche animate. Vi si rivolgevano aoprattutto le donne che avevano i congiunti lontani. 2 Il termine "Pacchianella" indica una contadina vestita con gli abiti tradizionali. 3 Il "cicchignacco" era un oggetto contenuto dentro una bottiglietta piena d'acqua, al quale era impresso a piacimento un movimento.

Un commento su “‘A rumba d’ ‘e scugnizze

  1. Grazie della pubblicazione del testo senza il quale avrei apprezzato quasi solo le mosse ed il ritmo delle graziose ballerine.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia