'A SERENATA


(Bovio, Lama)


 
No, nun t'abbelí,
só' tutte amice ca se vonno divertí.
Ognuno 'e lloro sona nu strumento,
comme si fosse nu divertimento.
Comme se dice?
Questa qua è una "suvaré".
 
No, non ti avvilire,
sono tutti amici che si vogliono divertire.
Ognuno di loro suona uno strumento,
come se fosse un divertimento.
Come si dice?
Questa è una "soiret".
 
Mme piglie e po' mme lasse,
po' mme lasse,
e po' mme piglie,
ma pecché?
Só' fatto na pazziella?
Na pazziella
'e piccerillo,
'mmano a te?
Te spasse? E nun fa niente.
Spássate, ch'aggi' 'a fá?
 
Mi prendi e poi mi lasci,
poi mi lasci,
e poi mi prendi,
ma perchè?
Sono diventato un giocattolo?
Un giocattolo
da bambino,
nelle tue mani?
Te la spassi? E non fa niente.
Spassatela, che devo fare?
 
Sstss!… Nun giá accussí.
Cchiù delicato.
Nun ce avimm' 'a fá sentí!
Sunate zitto zitto e doce doce,
si no nce 'o perdo stu felillo 'e voce.
V'aggio pregato
ca mm'avit' 'a cumpatí.
 
Sstss!… Non così.
Più delicatamente.
Non dobbiamo farci sentire!
Suonate piano piano e dolcemente,
altrimenti perderò questo filo di voce.
Vi ho pregato
che dovete compatirmi.
 
Mme piglie e po' mme lasse,
po' mme lasse,
e po' mme piglie,
ma pecché?
Só' fatto na pazziella?
Na pazziella
'e piccerillo,
'mmano a te?
'Nfí' a quanno nun mme stracquo,
fa' chello ca vuó' tu.
 
Mi prendi e poi mi lasci,
poi mi lasci,
e poi mi riprendi,
ma perchè?
Sono diventato un giocattolo?
Un giocattolo
di bambino,
nelle tue mani?
Fino a quando non mi stanco,
Fai quello che vuoi.
 
Pe' te dimustrá quanto ti "atóro",
nun 'o ssaje che voglio fá?
I' voglio fá quacche penzata mia:
piglio e te scanno. Vi' che fantasía.
Tu muore e io moro,
ma 'a sentenza è chesta ccá.
 
Per dimostrarti quanto ti adoro,
non sai che voglio fare?
Voglio attuare qualche mia pensata:
prendo e ti scanno. Guarda che fantasia.
Tu muori e io muoio,
ma la sentenza è questa qua.
 
Mme piglie e po' mme lasse,
po' mme lasse,
e po' mme piglie,
ma pecché?
Só' fatto na pazziella?
Na pazziella
'e piccerillo,
'mmano a te?
Pe' mo siéntete 'e suone.
Dimane… mar'a te.
Mi prendi e poi mi lasci,
poi mi lasci,
e poi mi riprendi,
ma perchè?
Sono diventato un giocattolo?
Un giocattolo
di bambino,
nelle tue mani?
Per ora ascolta i suoni.
Domani… povera te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia