'A SERENATA 'E PULECENELLA


(Bovio, Cannio – 1912)


 
E stó' aspettanno cu stu mandulino
ll'ora che, 'a cielo, se ne trase 'a luna.
Mme só' nascosto dint'a nu ciardino,
pe' nun 'o ffá assapé
ca só' semp'io ca cerco scusa a te.
 
E sto aspettando con questo mandolino
l'ora che, dal cielo, entra la luna.
Mi sono nascosto dentro ad un giardino
per non farlo sapere
che sono sempre io chiedo scusa a te.
 
Te voglio tantu bene.
Te voglio tantu bene.
T' 'o ddico zittu, zittu,
zittu, zitto,
ca, si allucco, 'a gente
ca nun sape niente,
pò sentí:
"Te voglio bene".
 
Ti voglio tanto bene.
Ti voglio tanto bene.
te lo dico in silenzio,
in silenzio,
perchè se grido, la gente
che non sa niente
può sentire:
"Ti voglio bene".
 
Mme metto scuorno 'e fá sapé a ll'amice
ca "tinco tinco" torno e faccio pace.
Si 'appura 'a gente, Napule che dice?
Ca mm' 'e vvoglio fá fá
sott'a chist'uocchie cierti 'nfamitá?
 
Ho vergogna di far sapere agli amici
che sollecitamente torno e faccio pace
Se la gente lo viene a sapere, Napoli che dice?
Che voglio farmi fare
davanti agli occhi certe infamie?
 
Te voglio tantu bene.
……………………………….
 
Ti voglio tanto bene.
……………………………….
 
Na vota ero 'o cchiù guappo1 'e ll'Arenella2,
tenevo 'nnammurate a mille a mille,
e mo mme faje chiammá Pulicenella.
Ma tu ce pienze o no,
ch'éro nu guappo, guappo overo. E mo?
 
Una volta ero il più guappo1 dell'Arenella2,
avevo fidanzate a migliaia
e adesso mi fai chiamare Pulcinella.
Ma tu ci pensi o no,
Che ero un guappo, guappo davvero. E ora?
 
Te voglio tantu bene.
…………………………
Ti voglio tanto bene.
………………………..


1 Il guappo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. Originariamente, rappresenta l'immagine dell'uomo d'onore gentiluomo e romantico, pronto a dirimere le controversie tra le persone e a convincere i giovanotti che avevano messo incinta qualche ragazza a mettere la testa a posto e a sposarla. La parola "guappo" deriva dallo spagnolo "guapo" (bello), origine dovuta al fatto che il guappo si è sempre distinto per l'abbigliamento curato e eccessivo, una postura particolare tesa all'ostentazione di se stesso e una cura maniacale del proprio aspetto fisico. Nel 1900, la figura del guappo comincia ad essere associata alla criminalità organizzata, diventa un imprenditore criminale che svolge soprattutto attività di controllo sui commerci di prodotti ortofrutticoli, molto violento con i suoi avversari e, di contro, molto protettivo con i suoi adepti. 2 Quartiere di Napoli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia