'A SERENATA D' 'E RROSE


(Russo, Di Capua – 1899)


 
E' mezanotte, e cu stu mandulino,
i' canto a stu barcone chino 'e rose.
Saglie n'addore 'arancio da 'o ciardino
e st'aria doce vène a prufumá.
 
E' mezzanotte, e con questo mandolino,
io canto a questo balcone pieno di rose.
Sale un odore di arancio dal giardino
E quest'aria dolce viene a profumare.
 
'A luna janca mme pare d'argiento,
sbattute sóngo 'e rrose da stu viento.

Oje rose meje.
Si dorme chesta fata,
scetátela cu chesta serenata.
 
La luna bianca mi sembra d'argento,
sbattute sono le rose dal vento.

Oh rose mie.
Se dorme questa fata,
svegliatela con questa serenata.
 
E' mezanotte, e i' canto 'sta canzone
cu 'e sciure e cu ll'aucielle 'ncumpagnía.
Quanta suspire e quanta passione,
dint'a stu core mio, tengo pe' te.

Suspire mieje, vulate a stu barcone,
Facite sentí a Rosa 'sta canzone
 
E' mezzanotte, e io canto questa canzone
in compagnia dei fiori e degli uccelli.
Quanti sospiri e quanta passione,
in questo mio cuore, ho per te.

Sospiri miei, volate verso questo balcone,
fate sentire a Rosa questa canzone.
 
Oje rose meje.
………………..
 
Oh rose mie.
……………..
 
Oje luna, pecché ride e tiene mente?
Pecché mo nun faje luce a stu barcone?
Cu chisti ragge tuoje tanto lucente,
famme vedé si Rosa, mo, nce sta.
 
Oh luna, perchè ridi e guardi?
Perchè ora non fai luce a questo balcone?
Con questi raggi tuoi tanto luminosi,
fammi vedere se Rosa, ora, c'è.
 
Vola canzone mia, vola, canzone.
Rusina mme fa 'a spia for' 'o barcone.

Oje rose meje.
Essa, mo, s'è scetata.
Purtàtele, pe' me, 'sta serenata.
Vola canzone mia, vola, canzone.
Rosina mi spia dal balcone.

Oh rose mie.
Lei, ora, si è svegliata.
Portatele, da parte mia, questa serenata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia