'A SIRENA


(Di Giacomo, V. Valente – 1897)


 
Quanno 'a luna, affacciánnose 'a cielo,
passa e luce e, 'int'a ll'acqua se 'mmira
e ce stenne, d'argiento, nu velo,
mentre 'o viento d' 'a sera suspira.
Quanno io sento, pe' st'aria addurosa,
comm' 'a voce d' 'a terra luntana,
lenta lenta, suná na campana,
'ntenneruto, mme metto a vucá.
 
Quando la luna, affacciandosi in cielo,
passa e luccica, nell'acqua si specchia
e ci stende un velo d'argento,
mentre il vento della sera sospira.
Quando io sento, per quest'aria profumata,
come una voce di terra lontana,
lentamente, suonare una campana,
intenerito, mi metto a remare.
 
Tutte mme diceno:
"Pe' sotto Pròceta,
si passe, scánzate,
ca c'è pericolo.
Ce sta na femmena
ca 'ncanta ll'uommene.
S' 'e cchiamma e, a ll'úrdemo,
po' 'e ffa murí".

Ah! Voca, vo'.
 
Tutti mi dicono:
"Sotto Procida,
se passi, scostati,
che c'è pericolo.
C'è una donna
che incanta gli uomini.
Li chiama a sé e, infine,
poi li fa morire".

Ah! Rema, rema.
 
Ma na Santa tengo io,
ca mme prutegge e mme scanza p' 'a via.
Santa Lucia, Santa Lucia.
 
Ma ho una Santa,
che mi protegge e me allontana per la via.
Santa Lucia, Santa Lucia.
 
Voca voca! 'A 'i' ccá Pròceta nera,
sott' 'o cielo sereno e stellato,
'a vi' ccá, 'mmiez'a st'aria d' 'a sera,
tale e quale a nu monte affatato.
'A vi' ccá, che silenzio, che pace.
Ll'ora è chesta d''a bella sirena
scenne, sciulia, s'abbía 'ncopp' 'a rena
e nu segno, cu 'a mano, mme fa.
 
Rema rema!… eccola Procida nera,
sotto il cielo sereno e stellato,
eccola, in quest'aria notturna,
uguale ad una montagna fatata.
Eccola… che silenzio, che pace!
Questa è l'ora della bella sirena
scende, scivola, si avvia sulla spiaggia
e un segno, con la mano, mi fa.
 
Na voce amábbele
tremma pe' ll'aria:
"Scánzate, scánzate,
ca staje 'npericolo.
Chest'è na femmena
ca, sotto Pròceta,
'ncantáte, ll'uommene,
fa rummané".

Ah! Voca, vo'.
 
Una voce amabile
trema nell'aria:
"Spostati, spostati,
che sei in pericolo.
Questa è una donna
che, sotto Procida,
incantati, gli uomini,
fa rimanere.

Ah! Rema, rema.
 
Ma na Santa tengo io,
ca mme prutegge e mme scanza p' 'a via.
Santa Lucia, Santa Lucia.
 
Ma ho una Santa,
che mi protegge e me allontana per la via.
Santa Lucia, Santa Lucia.
 
Voca voca, 'a sirena mm'aspetta,
mme fa segno e, cantanno, mme dice:
"Piscató', vuó' cagná 'sta varchetta
cu nu regno e na vita felice?".
Voca fore. 'Sta voce 'a cunosco.
Chi mme chiamma se chiamma Isabella.
Prucetana, si' 'nfama e si' bella,
e mme stive facenno murí.
 
Rema rema, la sirena mi aspetta,
mi fa segno e, cantando, mi dice:
"Pescatore, vuoi cambiare questa barchetta
con un regno e una vita felice?"
Rema fuori. Questa voce la conosco.
Chi mi chiama si chiama Isabella.
Procidana, sei infame e sei bella,
e mi stavi facendo morire.
 
Na voce amábbele
tremma pe' ll'aria,
ma è tutt'inutile,
nun mme pò vencere.
Saccio a 'sta femmena
ca, sotto Pròceta,
'ncantate, ll'uommene,
fa rummané.

Ah! Voca, vo'.
 
Una voce amabile
trema nell'aria,
ma è tutto inutile,
non mi può vincere.
Conosco questa donna
che, sotto Procida,
incantati, gli uomini,
fa rimanere.

Ah! Rema, rema.
 
Ma na santa tengo io,
ca mme prutegge e mme scanza p' 'a via.
Santa Lucia, Santa Lucia.
Ma ho una Santa,
che mi protegge e me allontana per la via.
Santa Lucia, Santa Lucia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia