'A VONGOLA


(Capurro, Di Chiara – 1896)


 
Dint' 'o vico 'e Curtellare,
se diceva, 'a tutte quante,
ca, pe' mezzo 'e nu birbante,
che sacc'io mo, ch'îv' 'a murí,
bell'accussí.
 
Nel vicolo dei "Coltellai",
si diceva tra la gente,
che per colpa di un birbante,
che conosco io, che andò a morire,
all'improvviso.
 
Ma vedite, che ce azzecca
stu mmurí p' 'a passione?
Quanno maje unu cazone
t'ê avastato, Carulí'?
 
Ma guardate, che c'entra
questo morire per passione?
Quando mai un solo pantalone
ti è bastato Carolina?
 
Chesta è na vongola1
quant'a na còngola,
pròpeto mascula p' 'a nuvitá.
Chesta è na vera vongola fina,
cchiù masculina nun ce pò stá.
 
Questa è una vongola1
grande quanto una vongola verace,
proprio mascolina, che novità.
Questa è una vera vongola pregiata,
più mascolina non ci può essere.
 
Tu p' 'a primma, ogne mumento,
ive attuorno e mme sparlave,
cu 'e gghiastemme ca menave:
"Ll'aggi' 'a vedé ch'ha da sculá,
ll'hann' 'a squartá!"
 
Tu per prima, sempre,
andavi in giro e sparlavi di me,
con le maledizioni che lanciavi:
"Lo devo vedere morire,
lo devono squartare!"
 
E tenive sempe 'nfrisco
cinche o seje, for' 'o quartiere,
po' dicive ca 'o penziero
steva sempe 'ncuoll'a me.
 
E ne mantenevi sempre in fresco
cinque o sei, fuori dal quartiere,
poi dicevi che il tuo pensiero
era sempre su di me.
 
Chesta è na vongola
……………………….
 
Questa è una vongola
…………………………
 
Gennarino 'o stagnariello2,
Mezacanna e 'o figlio 'e Tata,
tutt'e tre t'hanno lassata
pecché, cu te, mo simmo llá,
nèh, ch'hann' 'a fá!?
 
Gennarino lo stagnino2,
Mezzacanna e il figlio di Tata,
tutti e tre ti hanno lasciata
perchè, con te, ora che ci siamo,
nèh, che devono fare?
 
Si quaccuno t'addimmanna,
tuorne a fá Santa 'Nchiastélla.
Bene mio, pe' 'sta zetella
n'ommo buono nun ce sta?
 
Se qualcuno ti domanda,
torna a fare la Santa in croce.
Bene mio, per questa zitella,
un buon uomo non c'è?
 
Chesta è na vongola
……………………….
Questa è una vongola
…………………………


1 Il termine "vongola" può assumere anche il significato di "errore". 2 Lo stagnino era colui che per mestiere riparava le pentole tramite una saldatura a stagno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia