'A VUCCHELLA


(D'Annunzio, Tosti – 1892)


 
Si' comm'a nu sciurillo,
tu tiene na vucchella,
nu poco pucurillo,
appassuliatella.
 
Sei come un fiorellino,
hai una boccuccia
un po' pochino,
appassita.
 
Méh, dammillo, dammillo,
è comm'a na rusella.
Dammillo nu vasillo,
dammillo, Cannetella.
 
Dai, dammelo, dammelo,
è come una rosellina.
dammelo un bacino
dammelo, Candida.
 
Dammillo e pigliatillo
nu vaso; piccerillo
comm'a chesta vucchella
che pare na rusella
nu poco pucurillo
appassuliatella…
Dammelo e prendilo
un bacio; piccolino
come questa boccuccia
che sembra una rosellina.
un po' pochino
appassita…


Il testo porta la firma di Gabriele D’Annunzio che scrisse questa canzone in seguito ad una scommessa con Ferdinando Russo, un autore di canzoni napoletane. Tutto nasce nel 1892, quando entrambi lavoravano a “Il Mattino”. Russo sfidò D’Annunzio a scrivere una canzone in dialetto napoletano. Dopo poco tempo, D’Annunzio consegno “‘A vucchella” a Russo che, conservatala fino al 1904, la portò a Francesco Paolo Tosti perchè venisse musicata.

2 commenti su “‘A vucchella

  1. mitico sito

  2. E’ una canzone tenerissima, una dichiarazione d’amore sui generis che lo spasimante fa alla sua amata. Non una dichiarazione sdolcinata ma concreta anche grazie al termine appassuliatella che D’Annunzio usa in modo spregiudicato.
    La musica è ancora più delicata del testo ed è forse una delle più belle melodie napoletane di tutti i tempi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia