'A ZINGARA


(Furnò, Valente)


 
"E damme 'a mano"
na zingara mm'ha ditto
"ca, quanto pe' destino puorte scritto,
t' 'o vvoglio fá sapé.
Ce sta n'amico, buono quanto maje,
ca te vò' bene assaje,
e tutto fa pe' te".
 
"E dammi la mano"
una zingara mi ha detto
"che, ciò che per destino ti è riservato,
ti voglio far sapere.
C'è un amico, quanto mai buono,
che ti vuol bene assai,
e fa di tutto per te".
 
Vatténne, oje zingara,
nun mme fá ridere.
Cheste só' chiacchiere
ca mme vuó' vennere
pe' veritá.
 
Vattene, zingara,
non farmi ridere.
Queste sono chiacchiere
che mi vuoi vendere
per verità.
 
Amice, 'ncopp' 'o munno, nun esistono
n'amico sulo è 'o primmo amico mio,
e st'amico songh'io.
 
Amici, a questo mondo, non esistono,
un solo amico è il mio primo amico
e questo amico sono io.
 
"E damme 'a mano
ca te farrá piacere.
Te voglio anduviná tutt' 'e penziere
ca stanno 'ncap'a te.
Tu tiene nu parente gran signore
ca, n'atu ppoco, more
e tu sarraje nu rre".
 
"E dammi la mano
che ti farà piacere.
Voglio indovinare tutti i pensieri
che hai in testa.
Tu hai un parente gran signore
che, fra poco, morirà
e tu sarai un re".
 
Vatténne, oje zingara.
Nun mme fá ridere.
Cheste só' chiacchiere
ca mme vuó' vénnere
pe' veritá.
 
Vattene, zingara,
non farmi ridere.
Queste sono chiacchiere
che mi vuoi vendere
per verità.
 
Pariente cu 'e denare, nun ne mòrono.
Unu parente io tengo, gran signore:
sulamente stu core.
 
Parenti con i soldi, non ne muoiono.
Un parente ho, gran signore:
soltanto questo cuore.
 
"Tu, dint' 'o core,
na passione tiene
pe' na femmena bella ca vuó' bene
e ca bene te vò'.
E, dint'a st'uocchie tuoje, chiare e lucente,
na lacrema cucente
ce sta passanno mo".
 
"Tu nel cuore,
hai una passione
per una bella donna a cui vuoi bene
e che ti vuole bene.
E, da questi tuoi occhi, chiari e luccicanti,
una lacrima cocente
sta scendendo adesso".
 
E' overo, oje zingara.
ce sta na femmena,
sincera e tènnera,
ch' 'a vita a chiagnere
passa pe' me.
 
E' vero, zingara.
c'è una donna,
sincera e tenera,
che la vita a piangere
passa per me.
 
E chesta ch'anduvine è 'a sola femmena
ca i' voglio bene cchiù d' 'a vita mia.
E chesta è mamma mia.
E questa che indovini e la sola donna
a cui io voglio bene più della vita mia.
E questa è la mia mamma.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia