ADDIO A NAPULE


(Bolognese – 1868)


 
Nce simmo a la partenza.
Io mme ne vaco, addio
Napule bello mio,
non te vedraggio cchiù.
 
Ci siamo alla partenza.
Io me ne vado. Addio
Napoli bello mio
non ti vedrò più.
 
Quanto nc'è de cchiù caro
dinto de te se 'nzerra…
 
Quanto c'è di più caro
dentro di te si chiude…
 
Addio,
addio.
'No paraviso 'nterra
Napule mio si tu.
Nu paraviso 'nterra,
Napule mio, si' tu.
 
Addio,
addio.
Un paradiso in terra
Napoli mio sei tu.
Un paradiso in terra
Napoli mio sei tu.
 
D'ammore, chi mme 'ncontra,
che vò' parlá mme pare.
Ll'aria , le vvie, lo mare
mme parlano purzí.
 
D'amore, chi m'incontra,
mi sembra che voglia parlare.
L'aria, le vie, il mare
mi parlano perfino.
 
A chiagnere mme vène
Napule bella, addio.
 
Da piangere mi viene
Napoli bella, addio.
 
Addio,
addio.
Lo paraviso mio
sempe pe' me tu si'.
Lo paraviso mio
sempe pe' me tu si'.
Addio,
addio.
Il paradiso mio,
tu sei sempre per me.
Il paradiso mio,
tu sei sempre per me.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia