ADDO' ME VASA ROSA


(E. A. Mario, Segrè – 1907)


 
A Capemonte, 'ntiempo 'e primmavera,
quanno pe' ll'aria va cantanno Ammore
e da luntano se fa bello 'o mare,
ll'albere attuorno fanno cchiù friscura,

a Capemonte 'ntiempo 'e primmavera.
 
A Capodimonte, in tempo di primavera,
quando nell'aria canta Amore
e da lontano si fa bello il mare,
gli alberi attorno fanno più ombra,

a Capodimonte in tempo di primavera.
 
E Ammore, e Ammore, e Ammore,
'mmiez'a ll'albere se corre a fá na casa,
se corre a fá na casa,
addó' ce sta na stradulella 'e scesa,
addó' mm'abbraccia, addó' mme vasa Rosa.

Addó' mm'abbraccia e addó' mme vasa Rosa.
 
E Amore, e Amore, e Amore,
tra gli alberi corre a farsi una casa,
corre a farsi una casa,
dove c'è una stradina in discesa,
dove mi abbraccia, dove mi bacia Rosa.

Dove mi abbraccia, dove mi bacia Rosa.
 
Figliole cuntignose e aggraziate,
vuje ca nun date vase e nun n'avite,
si 'e core vuoste se só' fatte 'e preta,
a Capemonte, Ammore 'e 'nfoca, 'e sceta,

figliole cuntignose e aggraziate.
 
Ragazze pudiche e aggraziate,
voi che non date baci e non ne avete,
se i vostri cuori sono diventati di pietra,
a Capodimonte, Amore li infuoca, li sveglia,

ragazze pudiche e aggraziate.
 
E Ammore, e Ammore, e Ammore,
'mmiez'a ll'albere s'è ghiuto a fá na casa,
s'è ghiuto a fá na casa,
addó' ce sta na stradulella 'e scesa,
addó' mm'abbraccia, addó' mme vasa Rosa.

Addó' mm'abbraccia e addó' mme vasa Rosa.
 
E Amore, e Amore, e Amore,
tra gli alberi è andato a farsi una casa,
è andato a farsi una casa,
dove c'è una stradina in discesa,
dove mi abbraccia, dove mi bacia Rosa.

Dove mi abbraccia, dove mi bacia Rosa.
 
A Capemonte ce sta n'ata reggia
cu nu balcone, n'ásteco e na loggia.
Nu passero ce canta ô mese 'e maggio
e 'o core mio ce trase lieggio lieggio.

A Capemonte ce sta n'ata reggia.
 
A Capodimonte c'è un'altra reggia
con un balcone, un lastrico e un terrazzo.
un passero ci canta nel mese di maggio
e il mio cuore ci entra leggero leggero.

A Capodimonte c'è un'altra reggia.
 
E Ammore, E Ammore, E Ammore,
'mmiez'a ll'albere s'è ghiuto a fá na casa,
s'è ghiuto a fá na casa,
addó' ce sta na stradulella 'e scesa,
addó' mm'abbraccia, addó' mme vasa Rosa.

Addó' mm'abbraccia e addó' mme vasa Rosa.
E Amore, e Amore, e Amore,
tra gli alberi è andato a farsi una casa,
è andato a farsi una casa,
dove c'è una stradina in discesa,
dove mi abbraccia, dove mi bacia Rosa.

Dove mi abbraccia, dove mi bacia Rosa.

Un commento su “Addò me vasa Rosa

  1. Non conoscevo questo canzone.L’ho ascoltata oggi per la prima volta cantata da Gabriele Vanorio attivo quando ero giovane e vivevo a Napoli.Abitavo a Capodimonte e lì ho dato il mio primo bacio a colei che poi diventò la mia sposa e mi seguì in Piemonte negli anni ’60.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia