AGATA!


(Pisano , Cioffi – 1937)


 
Io mme metto 'o steccadente in bocca
pe' nun fumá.
Nun ce veco e nun mm'accatto 'e llente
pe' sparagná.
Vivo solo col mensile
d'impiegato comunale,
spacco 'a lira, spacco 'o soldo,
spacco pure 'o "duje centè'".
E tu invece te la intendi
col padrone di un caffè.
 
Io mi metto lo stuzzicadenti in bocca
per non fumare.
Non ci vedo e non mi compro gli occhiali
per risparmiare.
Vivo solo con lo stipendio
d'impiegato comunale,
sto attento alla lira, sto attento al soldo,
sto attento pure ai due centesimi.
E tu invece te la intendi
col padrone di un caffè.
 
Agata!
Tu mi capisci.
Agata!
Tu mi tradisci.
Agata!
Guarda, stupisci!
Ch'è ridotto quest'uomo per te.
 
Agata!
Tu mi capisci.
Agata!
Tu mi tradisci.
Agata!
Guarda, stupisci!
Com'è ridotto quest'uomo per te.
 
Mm'accattaje nu cappelluccio tuosto
tre anne fa.
E, 'a tre anne, 'o tengo sempe 'ncapa.
Nun c'è che fá.
Stu vestito grigio scuro,
s'è cambiato di colore,
mo s'è fatto verde chiaro.
Era n'abito 'e papá.
E mm'ha ditto 'o cusetore:
"Nun 'o pòzzo arrevutá,
ll'aggio troppo arrevutato.
Ve cunziglio d' 'o jettá".
 
Mi comprai un cappello rigido
tre anni fa.
E, da tre anni, lo tengo sempre in testa.
Non c'è niente da fare.
Questo vestito grigio scuro,
s'è cambiato di colore,
ora è diventato verde chiaro.
Era un abito di papà.
E mi ha detto il sarto:
"Non lo posso rivoltare,
l'ho rivoltato troppo.
Vi consiglio di buttarlo".
 
Agata!
Tu mi capisci.
……………………
 
Agata!
Tu mi capisci.
……………………
 
Ho ridotto il pasto giornaliero,
sempre per te.
'A matina, nu bicchiere d'acqua,
senza cafè.
Vèngo â casa e nun te trovo,
'o purtiere tene 'a chiave:
"Dov'è andata?".
"A' sala 'e ballo".
Mi commuovo e penzo che
te facive 'a partetella,
tutt' 'e ssere, 'nziem'a me.
Mo mme faccio 'o sulitario,
guardo in cielo e penzo a te.
 
Ho ridotto il pasto giornaliero,
sempre per te.
La mattina, un bicchiere d'acqua,
senza caffè.
Arrivo a casa e non ti trovo,
il portiere ha la chiave:
"Dov'è andata"
"Alla sala da ballo".
Mi commuovo e penso che
facevi una partitella,
tutte le sere insieme a me.
Mo mi faccio un solitario,
guardo in alto e penso a te.
 
Agata!
Tu mi capisci.
…………………..
Agata!
Tu mi capisci.
…………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia