AGGIO PERDUTO 'O SUONNO


(Redi, Natili – 1952)


 
E' notte chiena e s'è addurmuto 'o mare,
ma io stó' scetato e spásema stu core.
'E vvoce, 'e notte, se só' fatte rare
e i' resto sulo 'int'a ll'oscuritá.
Dormono 'e rrose 'int' 'o ciardino,
surtanto 'o core mio nun pò durmí.
 
E' notte fonda e si è addormentato il mare,
ma io sono sveglio e spasima questo cuore.
Le voci, di notte, sono diventate rare
e io resto solo nell'oscurità.
Dormono le rose nel giardino,
solo il mio cuore non può dormire.
 
Aggio perduto 'o suonno
pe' chist'ammore,
aggio perduto 'o core
appriesso a te.
Nu juorno mme faje campá,
nu juorno 'mpazzí.
Stu bbene mme fa danná,
st'ammore murí!
Vivo pe' 'sta passione ánema mia.
Tanta è 'a gelusia ca tengo 'e te
e tremma stu core mio
pecché hâ paura 'e te lassá.
Aggio perduto 'o suonno
pe' 'sta felicitá.
Ho perso il sonno
per questo amore,
ho perso il cuore
dietro di te.
Un giorno mi fai vivere,
un giorno impazzire.
Questo bene mi fa dannare,
questo amore morire!
Vivo per questa passione anima mia.
Tanta è la gelosia che ho per te
e trema questo cuore mio
perchè ha paura di lasciarti.
Ho perso il sonno
per questa felicità.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia