AMALIA


(G. De Curtis, E. De Curtis – 1902)


 
Che disdetta ca i' tengo a fà 'ammore.
Quant'i' soffro, nisciuno mme crede:
Nun ce sta chi capisce stu core,
'e ccanzone risponnono. Eh, già!
 
Che sfortuna che ho in amore,
quanto soffro, nessuno mi crede:
non c'è nessuno che capisce questo cuore,
le canzoni rispondono. Eh, già!
 
Amà', Amà',
che ragione te pòzzo cuntà?
'O ccert'è ca io t'amo e t'adoro,
cchiù sincero 'e stu core nun c'è.
 
Amalia, Amalia,
Che ragione ti posso dare?
E' sicuro che io ti amo e ti adoro,
più sincero di questo cuore non ce n'è
 
A che epoca 'nfama io sò' nato,
nun se tene cchiù fede e cuscienza.
'Nnanze a Dio te ll'aggio giurato
e tu dubite ancora, nèh Amà'?
 
In che epoca infame sono nato,
non si ha più fede e coscienza.
Davanti a Dio te l'ho giurato
e tu dubiti ancora, Amalia?
 
Amà', Amà',
…………….
 
Amalia, Amalia,
………………..
 
Si pe' te io, stasera, mm'accido
e dimane tu liegge 'o Matino,
io só' certo ca manco nce cride
ca sò' muorto p'ammore e pe'tté.
 
Sì per te io, stasera, mi uccido
e domani tu leggi il Mattino,
son sicuro che neanche ci credi
che sono morto per amore e per te.
 
Amà', Amà',
…………….
Amalia, Amalia,
…………………


La canzone è dedicata ad Amalia Russo che Ernesto De Curtis sposò il 20 ottobre del 1902

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia