AMMORE GUAGLIONE


(E. A. Mario, Ricciardi – 1910)


 
'Ammore mio, guaglione, è ghiuto â scola
tant'anne arreto senza fá maje niente.
Screveva 'ncopp' 'e banche una parola
e una parola se teneva a mente.
Screveva "Amalia" e, comme niente fosse,
pazziava cu 'e nnennélle a zompafuosse1.
 
L'amore mio, ragazzo, è andato a scuola
tanti anni fa senza fare mai niente.
Scriveva sui banchi una parola
e una parola aveva in mente.
Scriveva "Amalia" e, come niente fosse,
giocava con le ragazze a salta fossi1.
 
E i' nun sapevo scrivere
nun ghiévo p' 'o ssuttile,
senza sapé' 'a grammatica
screvevo dint'abbrile:
"Mio dorge amore,
ti oh conzervato
un pizzo nel mio quore".
 
E io non sapevo scrivere
non andavo per il sottile,
senza sapere la grammatica
scrivevo ad aprile:
"Mio dorge amore,
ti oh conzervato
un pizzo nel mio quore".
 
'Ammore mio, guaglione, pazzianno,
pigliaje sùbbeto ll'uso a fá filone.
Quaranta juorne 'e scola tutto ll'anno.
E si ê vvote leggevo 'a lezione,
truvavo, 'mmiez'ê paggine, â 'ntrasatto,
nu ricciulillo d'oro o nu ritratto.
 
L'amore mio, ragazzo, giocando,
presi subito l'abitudine a marinare la scuola.
Quaranta giorni di scuola in tutto l'anno.
E se a volte leggevo la lezione,
trovavo, tra le pagine, all'improvviso,
un ricciolo d'oro o un ritratto.
 
Io nun 'ngarravo a leggere:
sbatteva 'o core 'mpietto.
Ma, pure senza virgole,
liggevo stu biglietto:
"Mio dorge amore,
pur'io per te,
ci oh un pizzo nel mio quore".
 
Io non riuscivo a leggere:
sbatteva il cuore nel petto.
Ma, anche senza virgole,
leggevo questo biglietto:
"Mio dorge amore,
anche io per te
ci oh un pizzo nel mio quore".
 
Mo 'ammore è tutto calamaro e penna,
ma i' mm' 'a ricordo a chella piccerella:
purtava 'o panarino cu 'a marenna,
na cinta a tre culure e na cartella.
E i' ll'aspettavo a 'o sòleto puntone
pe' dí: "Guarda che sole, fa' filone".
 
Ora l'amore è tutto calamaio e penna,
ma io me la ricordo quella piccolina:
portava un cestino con la merenda,
una cintura di tre colori e una cartella.
E io l'aspettavo al solito portone
per dire: "Guarda che sole, marina la scuola".
 
Zero cu ll'asteristico
pigliaje a bene e a male.
E avette 'a peggia media,
pur'essa: tale e quale.
Duje cunte pare.
Zero allo studio
e vase a centenare!
Zero con l'asterisco
presi alla fine.
Ed ebbi la peggior media,
anche lei: tale e quale.
Due conti pari:
Zero allo studio
e baci a centinaia!


1 Il termine salta fossi è usato per indicare il "saltare" da una ragazza all'altra.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia