ANEMA E CORE


(D'Esposito, Manlio – 1950)


 
Nuje ca perdimmo 'a pace e 'o suonno,
nun ce dicimmo maje pecché.
Vocche ca vase nun ne vonno,
nun só' sti vvocche oje né'.
Pure, te chiammo e nun rispunne
pe' fá dispietto a me.
 
Noi che perdiamo la pace e il sonno,
non ci diciamo mai perchè.
Bocche che baci non ne vogliono,
non queste bocche oh cara.
Eppure, ti chiamo e non rispondi
per fare un dispetto a me.
 
Tenímmoce accussí, ánema e core.
Nun ce lassammo cchiù, manco pe' n'ora.
Stu desiderio 'e te mme fa paura,
campá cu te,
sempe cu te,
pe' nun murí.
Che ce dicimmo a fa' parole amare,
si 'o bbene po' campá cu nu respiro?
Si smanie pure tu pe' chist'ammore,
tenímmoce accussí, ánema e core.
 
Teniamoci così, anima e cuore.
Non lasciamoci più, neanche per un'ora.
Questo desiderio di te mi fa paura,
vivere con te,
sempre con te,
per non morire.
Che ci diciamo a fare parole amare
Se il bene può vivere con un respiro?
Se soffri anche tu per questo amore,
teniamoci così, anima e cuore.
 
Forse sarrá ca 'o chianto è doce,
forse sarrá ca bene fa.
Quanno mme sento cchiù felice,
nun è felicitá.
Specie si ê vvote tu mme dice,
distratta, 'a veritá.
 
Forse sarà che il pianto è dolce,
forse sarà che fa bene.
Quando mi sento più felice,
non è felicità.
Specie se a volte tu mi dici,
distratta, la verità.
 
Tenímmoce accussí, ánema e core.
…………………………………………
Teniamoci così, anima e cuore.
……………………………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia