ANEMA NERA


(Canetti, Valente – 1931)


 
Stavota, siente a me, te si' sbagliata.
Tu si' felice? E io cchiù felice 'e te.
Mm'aggio truvato n'ata 'nnammurata,
chella ca overamente fa pe' me.
 
Stavolta, ascoltami, ti sei sbagliata.
Tu sei felice? E io più felice di te.
Ho trovato un'altra fidanzata,
quella che veramente fa per me.
 
Cchiù bella 'e te,
no, nun è nata ancora,
ma è 'nnammurata e sòra
chesta ca sape chiagnere.
Bella nun è,
ma è n'anema sincera.
Cride ca tutte tènono
n'anema nera
comm'a te.
 
Più bella di te,
no, non è nata ancora,
ma è innamorata e pura
questa che sa piangere.
Bella non è
ma è un'anima sincera.
Credi che tutti abbiano
un'anima nera
come te.
 
T'aggio lassato e nun mme pare overo
ch'aggio tenuto 'a forza 'e te lassá.
Ma cierti vvote stongo accussí allèro
ca mm'addimmanno io stesso: "E comme va?"
 
Ti ho lasciato e non mi sembra vero
che ho avuto la forza di lasciarti.
Ma certe volte sono così allegro
che mi domando io stesso: "Come va?"
 
Cchiù bella 'e te,
……………………….
 
Più bella di te.
………………………
 
E comme chiagne 'a 'nnammurata mia
quanno mme vede 'e ridere accussí.
Mm' 'a legge dint' 'o core 'sta buscía
e nun perdona a chi mme fa suffrí.
 
E come piange la fidanzata mia
quando mi vede ridere così.
Me la legge dentro al cuore questa bugia
e non perdona chi mi fa soffrire.
 
Cchiù bella 'e te,
…………………..
Più bella di te,
……………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia