AUTUNNO


(Bovio, E. De Curtis – 1913)


 
Forse è ll'autunno
ca mme mantene 'sta malincunia.
Chiove a zeffunno, Ninetta mia.
E' uttombre quase, .vierno mme pare.
Jurnate fredde, nuttate amare.
Sempe aspettanno ca na parola,
una, una sola,
mme venesse 'a te,
mme venesse 'a te.
 
Forse e l'autunno
che mi fa rimanere questa malinconia.
Piove a dirotto, Ninetta mia.
E' quasi ottobre, mi sembra inverno.
Giornate fredde, nottate amare.
Sempre aspettando che una parola,
una, una sola,
mi arrivi da te,
mi arrivi da te.
 
E tu che faje?
Staje allèra o malinconica 'e sti juorne?
Mme pienze maje? Tuorne o nun tuorne?
E sí, faje buono, statte luntana,
tanto, è passata n'annata sana
ca nun mm'hê scritto cchiù na parola,
una, una sola.
Giá, si' sempe tu.
Giá, si' sempe tu.
E tu che faje?
Staje allèra o malinconica 'e sti juorne?
Mme pienze maje? Tuorne o nun tuorne?
E sí, faje buono, statte luntana,
tanto, è passata n'annata sana
ca nun mm'hê scritto cchiù na parola,
una, una sola.
Giá, si' sempe tu.
Giá, si' sempe tu.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia