BAMMENELLA D' 'O MERCATO


(Pisano, Cioffi – 1950)


 
Uocchie turchine culore d' 'o cielo,
labbra 'e curallo cu 'addore d' 'o mare.
Bammenella d' 'o Mercato,
'a chiammavano accussí.
E faticava, da 'a matina â sera,
dint'a na stanzulella fredda e scura.
Diceva tutt' 'a gente d''o quartiere:
"Chesta figliola è 'a perla 'e ll'onestá,
e guaje a chi se permette 'e ce 'a tucca".
 
Occhi turchini colore del cielo,
labbra di corallo col profumo del mare.
Bambinella del Mercato,
la chiamavano così.
E lavorava, dalla mattina alla sera,
in una stanzetta fredda e scura.
Diceva tutta la gente del quartiere:
Questa figliola è la perla dell'onestà
e guai a chi si permette di toccarla.
 
Ttuppi ttuppi ttu.
S'appresentaje ll'ammore.
Nu bellu giuvinotto marenaro.
Povera figlia senza 'e genitore,
se facette lusingá,
se facette 'ncatená.
 
Ttuppi ttuppi ttu.
Si presentò l'amore.
Un bel giovanotto marinaio.
Povera figliola senza i genitori,
si fece lusingare,
si fece incatenare.
 
Era na santa, campava 'e fatica,
na vesticciolla sultanto teneva,
s' 'a lavava e s' 'a stirava,
quanno jéva a cunzigná.
Mo nun se vede cchiù 'sta vesta spasa
e 'o balcunciello sujo sta sempe 'nchiuso.
'A gente dice: "Comme va 'sta cosa?
Tenéssemo 'o duvere 'e ce 'nfurmá".
E quaccheduno è ghiuto a tuzzuliá.
 
Era una santa, viveva di lavoro,
soltanto una veste aveva,
se la lavava e se la stirava,
quando andava a consegnare.
Ora non di vede più questa veste stesa
e il suo balcone è sempre chiuso.
La gente dice: "Come funziona questa cosa?
Avremmo il dovere di informarci".
E qualcuno è andato a bussare.
 
Ttuppi ttuppi ttu.
"Vuje stisseve malata?
Parlate.Ve servesse quacche ajuto?
Vuje site Bammenella d' 'o Mercato.
Ce putite cummanná,
vuje ce avit' 'a cummanná".
 
Ttuppi ttuppi ttu.
"Non è che voi siete malata?
Parlate. Vi serve qualche aiuto?
Voi siete la Bambinella del Mercato.
Ci potete comandare,
voi ci dovete comandare".
 
Pe' Sant'Eligio s'è spasa na voce:
"Povera figlia, ce ll'hanno perduta".
Ogne giovane annurato
nun se pò capacitá.
E 'o cusetore nun fa cchiù vestite.
E 'o masterascio 'nchiova nu tavuto
e dice: "Chillu 'nfame scellarato,
chello ch'ha fatto, ce ll'ha da pavá.
'Mmiez'ô Mercato,chesto nun se fa".
 
Per Sant'Egidio si è sparsa una voce:
"Povera figliola, ce l'hanno persa".
Ogni giovane innamorato
non se ne può capacitare.
E il sarto non fa più i vestiti.
E il falegname inchioda una bara
e dice: " Quell'infame scellerato.
quello che ha fatto, ce lo deve pagare.
Nel Mercato questo non si fa".
 
Ttuppi ttuppi tu.
E trase nu duttore.
"Duttó' ce sta speranza?". "Nun 'o ccrero.
E' pazza e chiamma sempe 'o marenaro".
Ma va' trova chi sarrá.
Ma va' trova addó' starrá.
 
Ttuppi ttuppi tu.
Ed entra un dottore.
"Dottore, c'è speranza?". "Non credo.
E' pazza e chiama sempre il marinaio".
Ma vai a trovare chi sarà.
Ma vai a trovare dove sarà.
 
Ma che tempesta nera.
Na voce 'e piscatore:
"Na varca s'è sperduta 'mmiez'ô mare".
 
Ma che tempesta nera.
Una voce di pescatore:
"Una barca sì è perduta in mezzo al mare".
 
Chi fa male 'ha da pavá.
Chi fa male 'ha da pavá.
Chi fa male deve pagare.
Chi fa male deve pagare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia