BELLA CA BELLA SI'


(A. Gill – 1919)


 
Mme só' scetato a ll'alba stammatina
e aggiu menato 'a rezza 'mmiez'ô mare.
A na fenesta steva Carulina
e mme guardava cu chill'uocchie chiare.
'Ncantato pe' guardá chella sirena
aggiu perduto a mare 'a rezza chiena.
 
Mi sono svegliato all'alba stamattina
e ho buttato la rete in mezzo al mare.
A una finestra c'era Carolina
e mi guardava con gli occhi chiari.
Incantato per guardare quella sirena
ho perduto in mare la rete piena.
 
Bella, ca bella si',
chi te pò maje scurdá.
Si st'uocchie doce mme fanno murí,
só' pure 'a luce ca mme fa campá.
 
Bella, che bella sei,
chi ti può mai dimenticare.
Se questi occhi dolci mi fanno morire,
sono anche la luce che mi fa vivere.
 
'A cchiù 'e nu mese tengo, 'int'a stu core,
'nchiuvate ll'uocchie suoje turchine e doce.
E i' ca nun aggio maje saputo 'ammore
mo stó' perdenno 'a pace, 'o suonno e 'a voce.
E mme ne fa jettá lácreme amare,
pe' quanta stelle 'ncielo e 'a rena a mare.
 
Da più di un mese ho, in questo cuore,
inchiodati gli occhi suoi turchini e dolci.
E io che non ho mai conosciuto l'amore
sto perdendo la pace, il sonno e la voce.
E mi fa buttare lacrime amare,
quante sono stelle in cielo e sabbia nel mare.
 
Bella, ca bella si',
…………………..
 
Bella, che bella sei,
……………………..
 
Mm'ha ditto mamma: "Abbada, statte attiento
e nun te ce 'ncaná, ch'è senza core.
Chell'è na vela, avota comm' 'o viento.
Nce sta chiagnenno cchiù 'e nu piscatore".
Ma senza ll'uocchie belle 'e Carulina,
i' che nce campo a fá pe' 'sta marina?
 
Mi ha detto mamma: "Bada, stai attento
e non t'intestardire, che è senza cuore.
Quella è una vela, gira come il vento.
Ci sta piangendo più di un pescatore".
Ma senza gli occhi belli di Carolina,
io che ci vivo a fare per questo porto?
 
Bella, ca bella si',
…………………..
Bella, che bella sei,
……………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia