BELLA MIA


(Barbieri, Di Chiara – 1909)


 
Io t' 'o ddicevo,
ce si caduta.
P' 'a troppa fòja,
gioja mia,
te si' perduta.
Senz'arte ê mmane,
senza dimane,
abbandunata, sola sola,
rieste tu.
 
Io te lo dicevo,
ci sei cascata.
Per la troppa foga,
gioia mia,
ti sei persa.
Senza arte alle mani,
senza domani,
abbandonata, sola sola,
resti tu.
 
Bella mia, che chiagne a fá?
Mme faje pena, 'a veritá.
Mo t'affitto nu quartino
cu 'a luggetta e 'o belvedé.
Lasso a Rosa e piglio a te.
 
Bella mia, che piangi a fare?
Mi fai penna, in verità.
Ora ti affitto un appartamentino
con il terrazzo e il belvedere.
Lascio Rosa e prendo te.
 
Bella mia, che chiagne a fá?
………………………………………..
 
Bella mia, che piangi a fare?
………………………………………..
 
Hê fatto male
ca te si' data,
anema e core,
'mbracci'a chillo
una vutata.
Ca te ne piente,
nun gióva a niente.
'O fatto è fatto,
mo ll'amico ride 'e te.
 
Hai fatto male
che ti sei data,
anima e cuore,
in braccio a quello
tutto in una volta.
Che te ne penti,
non giova a niente.
Quello che è fatto è fatto,
ora l'amico ride di te.
 
Bella mia, che chiagne a fá?
………………………………..
 
Bella mia, che piangi a fare?
………………………………..
 
Isso diceva
ca te spusava
quann'abbracciata
te teneva
e se sfeziava.
Scióre d'aprile,
scióre gentile,
chi t'ha sfrunnato,
n'ora 'e pace
nn'ha da avé.
 
Lui diceva
che ti sposava
quando abbracciata
ti teneva
e si divertiva.
Fiore d'aprile,
fiore gentile,
chi ti ha rovinato,
un'ora di pace
non deve avere.
 
Bella mia, che chiagne a fá?
………………………………..
Bella mia, che piangi a fare?
………………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia