BELLAVISTA


(Fiore, Donnarumma – 1939)


 
Veníteme a truvá, stó' a Bellavista,
tengo na bella casa bene esposta.
Doje logge, tre balcune, tre feneste,
na tavula 'e mangiá pe' vinte poste.
Veníteme a truvá, stó' a Bellavista.
 
Venite a trovarmi, sto a Bellavista,
ho una bella casa ben esposta.
Due terrazzi, tre balconi, tre finestre,
una tavola da pranzo per venti posti.
Venite a trovarmi, sto a Bellavista.
 
Vuje purtate duje spaghette,
quacche poco d'antipasto,
seje galline, tre caprette,
na canesta cu 'e pullaste.
Nu bicchiere 'e vino buono
nun mm' 'avit' 'a fá mancá,
ch'io ve canto na canzone
ca ve faccio cunzulá.
 
Voi portate due spaghetti,
un po' di antipasto,
sei galline, tre capretti,
un cesto con i polli.
Un bicchiere di vino buono
non me lo dovete far mancare,
che io vi canto una canzone
che vi faccio consolare.
 
Veníteme a truvá, stó' tanto triste,
surtanto ll'aria bona nun mm'abbasta.
Io voglio stá cu 'amice sempe 'nfesta,
nun ve scurdate 'a cesta cu 'e pullaste.
Veníteme a truvá, stó' a Bellavista.
 
Venitemi a trovare, sono tanto triste,
solo l'aria buona non mi basta.
Io voglio stare con gli amici sempre in festa,
non vi dimenticate la cesta con i polli.
Venitemi a trovare, sto a bellavista.
 
Vuje purtate un po' di pesce,
treglie, spigole e aragoste
e si po' nun ve rincresce,
frutta, strega, birre e paste.
Se vi capita un prosciutto
mme ll'avit' 'a fá vedé.
Ricurdateve 'o paccotto
chino 'e zuccaro e cafè.
 
Voi portate un po' di pesce,
triglie, spigole e aragoste
e se poi non vi rincresce,
frutta, strega, birra e pasticcini.
Se vi capita un prosciutto
me lo dovete far vedere.
Ricordatevi il pacco
pieno di zucchero e caffè.
 
Veníteme a truvá stó' a Bellavista,
io tengo appena diece figlie e basta.
Só' piezz' 'e core ma só' troppo 'nziste.
Nu regaluccio a testa che ve costa?
Venítele a truvá a sti cammurriste.
 
Venitemi a trovare, sto a Bellavista,
ho appena dieci figli e basta.
Sono parte del mio cuore ma sono troppo vivaci.
Un regalino a testa che vi costa?
Veniteli a trovare questi camorristi.
 
Vuje purtate duje bracciale,
tre rilorge, e tre catene.
n'automobile a Pascale,
nu curredo a Filumena.
E pe' fá na cosa meglio,
na pelliccia pure a me,
nu brillante per mia moglie
di carati trentatré.
 
Voi portate due bracciali,
tre orologi, e tre collane,
un'automobile a Pasquale,
un corredo a Filomena.
E per fare una cosa migliore,
una pelliccia anche a me,
un brillante per mia moglie
di carati trentatré.
 
Ricurdateve 'e spaghette
con il poco di antipasto,
'e ggalline, 'e tre caprette,
'a canesta cu 'e pullaste;
e 'o barile 'e vino buono
nun mm' 'avit''a fá mancá.
Ch'io ve canto na canzone
ca ve faccio cunzulá.
Ricordatevi gli spaghetti,
con il poco di antipasto,
le galline, i tre capretti,
la cesta con i polli;
e il barile di vino buono
non me lo dovete far mancare.
Che io vi canto una canzone
che vi faccio consolare.

5 commenti su “Bellavista

  1. Donnarumma è morto nel 1933. Come questa canzone potrebbe essere composta nel 1939?

  2. Cerco disperatamente, ma non riesco a trovarlo, lo spartito musicale della
    canzone napoletana Bellavista di Fiore Donnarumma, non importa se singolo o
    se contenuto in una raccolta. Vi sarei grato se poteste aiutarmi a esaudire
    questo mio desiderio. Grazie infinite per una Vostra cortese risposta.
    Vincenzo Pisa.

  3. per Eugenio: non si tratta di Elvira Donnarumma, famosa cantante scomparsa nel 1939, ma di Giovanni Donnarumma, maestro di musica.

    per Vincenzo: ecco il link dove puoi trovare lo spartito http://www.vesuviolive.it/cultura/50985-francesco-fiore-canta-lanima-portici/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia