BELZEBU'


(Palomba, Bruni)


 
Nun ce sta nu filo 'e viento,
pare 'e fuoco tutt' 'a rena.
Ma, stanotte, a Margellina,
che succede gente, gè'?
Nu vasciello a vele nere
s'avvicina chianu chiano.
'Mmiez'ê tuone e 'mmiez'ê lampe,
sta sbarcanno 'nterra ccá.
 
Non c'è un filo di vento,
sembra infuocata tutta la sabbia.
Ma, stanotte, a Mergellina,
che succede gente?
Un vascello con vele nere
si avvicina piano piano.
Tra i tuoni e tra i lampi,
sta sbarcando qui in terra.
 
"Ma chi è, ma chi è, ma chi è?"
'Mmiez'ê ffiamme rosse e blu.
Gente, gente, currite a vedé.
E' arrivato Belzebù.
'E Rumane, 'e Sarracine,
'e Spagnuole e ll'Angioine,
'e Tedesche, 'e Marucchine.
Ce mancave sulo tu.
Arapítele 'e pporte a Belzebù.
 
"Ma chi è, ma chi è, ma chi è?"
Tra le fiamme rosse e blu.
Gente, gente, venite a vedere.
E' arrivato Belzebù.
I romani, i Saraceni,
gli Spagnoli e gli Angioini,
i Tedeschi, i Marocchini.
Ci mancavi solo tu.
aprite le porte a Belzebù.
 
Fa nu passo 'e mille metre
e, cu 'a voce sója d'inferno,
mentre cadono 'e palazze,
isso allucca:"Nèh, guagliù'".
E da 'a vocca d' 'o Vesuvio,
cientomila diavulille,
se ne tornano sciulianno
'ncopp' 'a coda 'e Belzebù.
"Ma ched è? Ma ched è? Ma ched è?"
Se n'è ghiuto Belzebù.
 
Fa un passo di mille metri
e, con la sua voce infernale,
mentre cadono i palazzi,
lui grida: "Beh, Ragazzi".
E dalla bocca del Vesuvio,
centomila diavoletti,
ritornano scivolando
sulla coda di Belzebù.
"Ma cos'è? Ma cos'è? Ma cos'è?"
Se n'è andato Belzebù.
 
Finalmente stavota over'è,
'nziem'ê figlie 'e Belzebù,
'e Rumane, 'e Sarracine,
'e Spagnuole e ll'Angioine,
'e Tedesche, 'e Marucchine,
mo, nun 'e ttenimmo cchiù.
E 'nzerrátele 'e pporte a Belzebù.
 
Finalmente stavolta è vero,
insieme ai figli di Belzebù,
i romani, i Saraceni,
gli Spagnoli e gli Angioini,
i Tedeschi, i Marocchini,
ora non li abbiamo più.
E chiudetele le porte a Belzebù.
 
Mm'è venuto nu suspetto
ca quaccuno s'è nascosto.
E mo, invece 'e stá a ll'inferno,
va giranno p' 'a cittá.
Chisà quante ce ne stanno,
assettáte 'int' 'e ppultrone,
chisti diavule 'mperzona,
chisti figlie 'e Belzebù.
 
Mi è venuto un sospetto
che qualcuno si è nascosto.
E ora, invece di stare all'inferno,
va in giro per la città.
Chissà quanti ce ne stanno,
seduti nelle poltrone,
questi diavoli in persona,
Questi figli di belzebù.
 
"Viene 'a ccá, viene 'a ccá, viene 'a ccá".
Torna ampresso, Belzebù.
Sulo tu puó' salvá 'sta cittá.
Vienatille a pigliá tu
'e Rumane, 'e Sarracine,
'e Spagnuole e ll'Angioine,
'e Tedesche, 'e Marucchine,
e chist'ate che saje tu.
Portatille a ll'inferno, Belzebù.
"Vieni qua, Vieni qua, Vieni qua".
Torna presto, Belzebù.
Solo tu puoi salvare questa città.
Vieniteli a prendere tu
i romani, i Saraceni,
gli Spagnoli e gli Angioini,
i Tedeschi, i Marocchini,
e questi che conosci tu.
Portateli all'inferno, Belzebù.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia