BENEDITTO 'O MESE 'AUSTO


(Fiore, Lama – 1924)


 
Quanno vène 'o mese 'Austo,
tutt' 'e ssere faccio festa.
Veco a Rosa senza busto,
Carulina senza vesta.
E Maria, bella e curtese,
sottavoce mm'amminaccia:
"Quanno sponta chistu mese,
te sceppasse ll'uocchie 'a faccia".
 
Quando arriva il mese di Agosto,
tutte le sere faccio festa.
Vedo Rosa senza busto,
Carolina senza veste.
E Maria, bella e cortese,
Sottovoce mi minaccia:
"Quando spunta questo mese,
ti strapperei gli occhi dalla faccia".
 
Quanno vène 'o mese 'Austo,
sti ffigliole senza busto,
mme piace d' 'e gguardá,
d' 'e ttuccá, d' 'e vvasá.
Ma che spasso, ma che gusto.
Beneditto, beneditto,
beneditto 'o mese 'Austo.
 
Quando arriva il mese di Agosto,
queste figliole senza busto,
mi piace guardarle,
toccarle, baciarle.
Ma che spasso, ma che gusto.
Benedetto, benedetto,
benedetto il mese di Agosto.
 
'Nterr'â spiaggia, vi' che sole.
Manco 'o mare mme rinfresca.
Ch'aggi' 'a dí? Chesti ffigliole
sóngo 'o ffuoco 'nfacci'a ll'ésca.
Veco 'a rossa, 'a bionda, 'a bruna.
Cierti piezze speciale:
"Signurí', bona furtuna.
Site asciuta da 'o spitale?".
 
In spiaggia, guarda che sole.
Neanche il mare mi rinfresca.
Che devo dire? Queste figliole
sono il fuoco davanti all'esca.
Vedo la rossa, la bionda, la bruna.
Certi pezzi speciali
"Signorina, buona fortuna.
Siete uscita dall'ospedale?"
 
Quanno vène 'o mese 'Austo,
…………………………………..
 
Quando arriva il mese di Agosto,
……………………………………..
 
Quanno vène 'o mese 'Austo,
ogne femmena 'o ffa apposta.
No p' 'o caldo, no: è pe' gusto
ch'addeventa faccia tosta.
'Nnanz'a me, 'a signora a porta,
pe' se fá na sciorta 'e risa,
passa e spassa for' 'a porta,
sulamente cu 'a cammisa.
 
Quando arriva il mese di Agosto,
ogni ragazza lo fa apposta.
Non per il caldo, no: è per il gusto
che diventa faccia tosta.
Davanti a me, la signora di fianco,
per sbellicarsi di risate,
passa e ripassa fuori dalla porta,
solamente con la camicia.
 
Quanno vène 'o mese 'Austo,
…………………………………..
 
Quando arriva il mese di Agosto,
……………………………………..
 
Quanno vène 'o mese 'Austo,
vuje ca state 'int ''e ppultrone,
ve credite ch'esce 'arrusto?
Chelle, invece, só' canzone!
Só' canzone scritte apposta
pe' stu pubblico galante.
Perdunate 'a faccia tosta.
mé', cantammo tutte quante:
 
Quando arriva il mese di Agosto,
voi che state nelle poltrone,
credete che esca l'arrosto?
Quelle, invece, sono canzoni!
Sono canzoni scritte apposta
per questo pubblico galante.
Perdonate la faccia tosta.
Dai, cantiamo tutti quanti:
 
Quanno vène 'o mese 'Austo,
…………………………………..
Quando arriva il mese di Agosto,
……………………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia