BRINNESO


(Bovio, Valente – 1922)


 
Brínneso alla salute
dell'amirosa mia ca s'è sposata.
'E ccummarelle meje, ca nce só' ghiute
díceno che pareva una popata.
 
Brindisi alla salute
dell'amorosa mia che si è sposata.
Le mie amiche, che ci sono andate
dicono che sembrava una bambola.
 
Ed indi poi noi li facciamo un brínneso
alla per noi difunda donna amata:
Vino vinello,
se per la donna il másculo è un trastullo
io ho stato l'Allirchino e il Purginello.
Mo rido e abballo,
e mme ne frocolejo della mia bella,
ché a queste scemitá nci ho fatto il callo.
 
E quindi poi noi ci facciamo un brindisi
alla per noi defunta donna amata:
Vino vinello,
se per la donna l'uomo è un divertimento
io sono stato l'Arlecchino e il Pulcinella.
Ora rido e ballo
e me ne frego della mia bella,
perchè a queste scemenze ci ho fatto il callo.
 
Col calicio levato,
mme conto tutt' 'e llacreme chiagnute
per te, dorge ed indegno oggetto amato,
ca t'hê pigliato giuventù e salute.
 
Col calice levato,
mi conto tutte le lacrime piante
per te, dolce e indegno oggetto amato,
che ti sei preso gioventù e salute.
 
Vevite amice: chisto è vino 'e Proceta1,
n'atu bicchiere e nce ne simmo jute.
Vino sincero,
ho detto al cuoro, al povero mio cuoro,
chiagne pe' cunto tujo, ca i' mo stó' allèro.
Perché, a chest'ora,
mentre tu faje ll'Otello e ti disperi,
forse la signorina è già signora.
 
Bevete amici: questo è vino di Procida1,
Un altro bicchiere e ce ne siamo andati.
Vino sincero,
ho detto al cuore, al povero mio cuore,
piangi per conto tuo, che io ora sono allegro.
Perchè a quest'ora
mentre tu fai l'Otello e ti disperi,
forse la signorina è già signora.
 
Mo ca stó' frasturnato,
nun mme lassate sulo 'mmiez'â via.
V'aggio fatto spassá, mi ho dispendiato.
Mo purtateme â casa 'e mamma mia.
 
Ora che sono frastornato,
non mi lasciate solo in mezzo alla strada.
Vi ho fatto divertire, ho speso.
Ora portatemi a casa della mia mamma.
 
E alla mia vecchia, vuje ll'avit' 'a dicere:
"Questa crapa è tuo figlio". E accussí sia.
Vinello puro,
mentre gli sposi stanno cuoro a cuoro,
che scherzo appresentarse dint' 'o scuro.
Alla signora
io lle direbbe: "Nun avé paura,
io sono un morto che cammina ancora".
E alla mia vecchia, voi lo dovete dire:
"Questa capra è tuo figlio". E così sia.
Vinello puro,
mentre gli sposi stanno cuore a cuore,
che scherzo presentarsi al buio.
Alla signora
io le direi: "Non aver paura,
io sono un morto che cammina ancora.


1 Un tempo, il vino di Procida riforniva tutte le migliori trattorie della città e, per questo, le sue qualità venivano decantate in molte canzoni e opere teatrali.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia