BUONGIORNO A MARIA


(E. A. Mario – 1916)


 
'Ncopp' 'a fenesta ca sta 'nchiusa ancora,
saglie 'o saluto mio pe' te scetá.
E tu ca saje 'a voce e ca saje ll'ora,
statte scetáta, ma nun t'affacciá.
 
Sulla finestra che è chiusa ancora,
sale il mio saluto per svegliarti.
E tu che conosci la voce e sai l'ora
stai sveglia, ma non t'affacciare.
 
Statte scetáta e siente
'sta voce 'e chi te penza ore e mumente
e, albanno juorno, 'a dint'a ll'ombra vène,
vène e te torna a dí: "Te voglio bene".
 
Stai sveglia e senti
questa voce che ti pensa ore e momenti
e, albeggiando giorno, dall'ombra viene,
viene e ritorna a dirti: "Ti voglio bene".
 
Buongiorno ammore mio, buongiorno ammore
ca nun te cagne e nun te puó' cagná.
Comm' 'o rilorgio, 'o core conta ll'ore,
ll'ora pe' t'addurmí e pe' te scetá.
 
Buongiorno amore mio, buongiorno amore
che non cambi e non puoi cambiare.
Come l'orologio, il cuore conta le ore,
l'ora per addormentarti e per svegli
 
E tu, cuccáta, siente
'a voce 'e chi te sceta puntualmente
e, albanno juorno, dint'a ll'ombra vène,
vène e te torna a di' ca te vò' bene.
 
E tu, distesa, senti
la voce di chi ti sveglia puntualmente
e, albeggiando giorno, dall'ombra viene,
viene e ritorna a dirti che ti vuole bene.
 
E po' t'adduorme e po' te sceta 'o sole.
Di', che te suonne 'int'a sti suonne tu?
Che t'hanno miso 'ncore sti pparole
che 'a tantu tiempo nun sentive cchiù?
 
E poi ti addormenti e poi ti sveglia il sole.
Dimmi, cosa ti sogni in questi sogni?
Cosa ti hanno messo nel cuore queste parole
che da tanto tempo non sentivi più?
 
Statte cuccáta e siente:
t' 'e ddice chi te penza eternamente
e, albanno juorno, dint'a ll'ombra vène.
'E ttre parole só': "Te voglio bene".
Stai stesa e senti:
te le dice chi ti pensa eternamente
e, albeggiando giorno, dall'ombra viene.
E tre parole sono: "Ti voglio bene".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia