CALAMITA D'ORO


(De Crescenzo, Acampora – 1948)


 
Tu si' attaccante comm'a na malía,
perciò te chiamme "Calamita d'oro".
Saje mettere 'int' 'e vvéne 'a frennesía
e sulo 'a vocca toja pò dá ristoro.
 
Tu sei appiccicosa come una magia
perciò ti chiami "Calamita d'oro".
Sai mettere nelle vene la frenesia
e solo la tua bocca può dare ristoro.
 
"Calamita d'oro",
chello ch'hê fatto a me
chi t' 'o pperdona?
Io nun te dico niente
pecché 'sta vocca ardente
tanto mm'attacca a te
ca i' cchiù ne moro,
"Calamita d'oro".
 
"Calamita d'oro",
quello che hai fatto a me
chi te lo perdona?
Io non ti dico niente
perchè questa bocca ardente
tanto mi attacca a te
che io più ne muoio,
"Calamita d'oro".
 
Passanno 'a dint' 'o vico 'o Buoncunziglio,
'e te mm'hanno sparlato tuttuquante.
N'amico ha ditto: "Tu si' buonu figlio,
lássala e porta 'e ccére a tutt' 'e Sante".
 
Passando dal vicolo del Buon Consiglio
di te mi hanno sparlato tutti quanti.
Un amico ha detto: "Tu sei un bravo figlio,
lasciala e porta i ceri a tutti i Santi".
 
"Calamita d'oro",
………………….
"Calamita d'oro",
………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia