CAMPAGNATA NAPULITANA


(E. Murolo, E. Tagliaferri)


 
Tavulelle apparicchiate,
ogne coppia 'e 'nnammurate
core a core s'abbandona.
Comm'è bella 'sta campana
d' 'e Camáldule, luntana,
ch'ogne tanto ll'ora sona.
 
Tavolini apparecchiati,
ogni coppia d'innamorati
cuore a cuore si abbandona.
Come è bella questa campana
dei Camaldoli, lontana,
che ogni tanto l'ora suona.
 
Che calore,
sti ccicale nun fann'ato che cantá.
'Ncigna 'a vótte 'o princepale
e 'o garzone attuorno va.
 
Che calore,
queste cicale non fanno altro che cantare.
Incomincia la botte il principale
e il garzone intorno va.
 
Nénna, né',
pe' doje vocche, unu bicchiere,
metto 'o musso primm' 'e te:
voglio véverme 'e penziere
pe' vedé si pienze a me.
 
Bimba,
per due bocche, un bicchiere,
motto la bocca prima di te:
voglio bermi i pensieri
per vedere se pensi a me.
 
Ma pecché nun mme rispunne?
Voglio 'a mano e ll'annascunne?
T'accarezzo e vuote 'a faccia?
Staje 'nguttosa e nun 'o vvide
ca ll'está, meno ch' 'o ccride,
t'abbandona 'int'a sti bbraccia?
 
Ma perchè non mi rispondi?
Voglio la mano e la nascondi?
Ti accarezzo e volti la faccia?
Sei riluttante e non lo vedi
che l'estate, anche se non lo credi,
ti abbandona tra queste braccia?
 
Ma si abballe 'a tarantella
chesta mùtria passarrá.
Pizzo 'mmano d' 'a vunnella,
e 'o pianino a tiempo va.
 
Ma se balli la tarantella
questo nervosismo passerà.
Lembo in mano della gonna
e il pianino a tempo va.
 
Nénna, né',
'nnanz'a te, cu ciento mosse,
me te voglio ciancijá.
Diente janche e labbra rosse
t'è scappata 'a risa già.
 
Bimba,
davanti a te, con cento mosse,
ti voglio far delle moine.
Denti bianchi e labbra rosse
t'è scappata già una risata.
 
Scura notte e, allegre a vino,
nce azzeccammo cchiù vicino
p' 'a via nova 'e Marechiaro.
Da 'a muntagna 'a luna sponta
cu na stella appriesso pronta.
Pare juorno 'mmiez'ô mare.
 
Arriva la notte, allegri per il vino,
ci facciamo più vicini
per la via nuova di Marechiaro.
Dalla montagna la luna spunta
con dietro una stella pronta.
Sembra giorno in mezzo al mare.
 
Ll'acqua fragne 'nterr'â rena,
saglie, sciùlia e se ne va.
Pare 'o viento quanno appena
smove 'e ffronne 'int'a ll'está.
 
L'acqua s'infrange sulla sabbia,
sale, scivola e se ne va.
Sembra il vento quando appena
smuove le foglie in estate.
 
Nénna, né',
io te dico: "Maje felice
sóngo stato comm'a mo".
Tu, vasánnome mme dice:
"Fann' 'e me chello ca vuó'".
Bimba,
io ti dico: "Mai felice
sono stato come adesso".
Tu, baciandomi mi dici:
"Fai di me quello che vuoi".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia