CAMPAGNO'


(Genise, Campolongo – 1908)


 
Na bella campagnola, ogne matina,
appena sponta 'o sole da 'a muntagna,
addenucchiata 'mmiez'a na campagna,
se mette a tagliá ll'èvera,
spassánnose a cantá.
 
Una bella campagnola, ogni mattina,
appena spunta il sole dalla montagna,
inginocchiata in mezzo a un campagna,
si mette a tagliare l'erba
divertendosi a cantare.
 
Campagnó', si mme vuó' bene,
nun ce serve 'o lietto 'e sposa.
'Ncopp'a st'èvera addirosa,
è cchiù bello a stá cu te,
è cchiù bello a stá cu te.
 
Campagnola, se mi vuoi bene,
non ci serve il letto da sposa.
Su quest'erba profumata,
è più bello star con te,
è più bello star con te.
 
'Sta campagnola è comm' 'ha fatt' 'a mamma,
na rosa 'mmiez'a ll'èvera schiuppata.
Sultanto 'o sole 'ha vista e ll'ha vasata
e ll'aucielle, attuorno, 'a 'mparano a cantá.
 
Questa campagnola è come mamma l'ha fatta,
una rosa in mezzo all'erba rigogliosa.
Solo il sole l'ha vista e l'ha baciata
e gli uccelli, intorno, le insegnano a cantare.
 
Campagnó', si mme vuó' bene,
……………………………………
 
Campagnola, se mi vuoi bene,
………………………………….
 
'Mmiez'ô silenzio verde 'e 'sta campagna,
ca spira tanta pace e sentimento,
cu 'addore 'e ll'erba fresca ca se sente,
mme vène, 'a dint'a ll'anema, 'o genio d' 'a vasá.
 
Nel silenzio verde di questa campagna,
che ispira tanta pace e sentimento,
con l'odore di erba fresca che si sente,
mi viene, dall'anima, la voglia di baciarla.
 
Campagnó', si mme vuó' bene,
……………………………………
Campagnola, se mi vuoi bene,
………………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia