CAMPAGNOLA VESUVIANA


(Nappo, Genta)


 
Giuvanuttielle ca 'mpazzute site,
ll'ammore tutte quante mme cercate,
nun serve ca, fra vuje, v'appiccecate
si nun decido i' stessa ch'aggi' 'a fà'.
Site tutte quante belle,
tutte quante mme piacite,
ma stu ddoce 'e 'sta vucchella,
chi s' 'o ppiglia?
Chi s''o ppiglia?
Nun ve pòzzo assicurá.
 
Giovanotti che impazziti siete,
l'amore tutti quanti mi chiedete,
non serve che, tra di voi, litigate
se non decido io stessa che devo fare.
Siete tutti quanti belli,
tutti quanti mi piacete,
ma il dolce di questa bocca,
chi se lo prende?
Chi se lo prende?
Non ve lo posso assicurare.
 
Quann'è 'a sera, sola sola,
saglio 'a vascio ê tterre chiene
a cavallo a stu traíno.
Tutte quante, puntualmente,
aspettàte a 'o stesso posto,
cu 'a speranza 'e mme parlá.
Ma a chi dice doje parole,
ca mme fanno 'nnammurá,
ce 'o pprumetto ca mm' 'o sposo,
stesso dint'a chistu mese.
Chesta è tutta 'a veritá.
 
Quando è sera, sola sola,
salgo dal sotto al terrapieno
a cavallo di questo carretto.
Tutti quanti, puntualmente,
aspettate allo stesso posto,
con la speranza di parlarmi.
Ma a chi dice due parole,
che mi fanno innamorare,
gli prometto che me lo sposo,
anche in questo mese.
Questa è tutta la verità.
 
'O ciucciariello, sott'a stu traíno,
canta pur'isso ca vò' fá ll'ammore.
Che terra 'e fuoco è chesta. E stu calore
'ncapa v'è ghiuto e nun ve fa campá.
Vuje 'nfunníte na pezzólla
e mettitavella 'nfrónte.
Io, cu 'o garbo 'e sti mmanelle,
v' 'a mantengo, v' 'a mantengo
fino a che nun passarrá.
 
L'asinello, sotto a questo carretto,
canta anche lui che vuol far l'amore.
Che terra di fuoco è questa. E questo calore
in testa vi è entrato e non vi fa vivere.
Voi bagnate una pezza
e mettetevela sulla fronte.
Io, con la delicatezza di queste manine,
ve la mantengo, ve la mantengo,
fino a quando non passerà.
 
Quanno è 'a sera, sola sola,
……………………………….
Quando è sera, sola sola,
…………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia