CANTA ABBRILE


(E. A. Mario)


 
E se ne véne Abbrile alleramente,
vène cantanno pe' scetá ll'amante.
Dice: "Buongiorno, oj' femmene custante.
Chi bene vò' ca s' 'o ttenesse a mente,
ammore,'e core 'e vvò' doce e aprilante".
 
E arriva Aprile allegramente,
arriva cantando per svegliare gli amanti.
Dice: "Buongiorno, oh donne costanti.
Chi vuole bene che se lo ricordasse,
amore, i cuori le vuole dolci e aprilanti".
 
Bella, e si canta Abbrile
canta pe' chi vò' bene.
Tu, nun appena vène,
cuntenta e 'nnammurata,
fatte truvá affacciata.
 
Bella, e se canta Aprile
canta per chi vuole bene.
Tu, non appena arrivi,
contenta e innamorata,
fatti trovare affacciata.
 
E' Abbrile, è Abbrile.
 
E Aprile, è Aprile.
 
E canta Abbrile cu na voce d'oro
ll'ariette ca fernesceno a suspire.
E tu, ca mo te spícceche e te 'mmire,
siente st'aucielle ca lle fanno 'o coro,
siente 'o prufumo 'e st'aria ca respire.
 
E canta Aprile con una voce d'oro
le ariette che diventano sospiri.
E tu, che ora ti specchi e ti guardi,
senti questi uccelli che li fanno in coro,
senti il profumo di quest'aria che respiri.
 
Bella, e si canta Abbrile,
tutto fiurisce attuorno.
Dice ll'ammore: "Io torno
pe' fá cchiù allère 'e ccase,
pe' fá cchiù ardente 'e vase".
 
Bella, e se canta Aprile,
tutto finisce intorno.
Dice l'amore: "Io torno
per fare più allegre le case,
per fare più ardenti i baci".
 
E' abbrile, è Abbrile.
 
E' Aprile, è Aprile.
 
Viene cu me, ca te port'io, p' 'a mano,
p''a strada 'a dó', cantanno, Abbrile vène.
E ce fermammo addó', 'mmiez'ê vverbene,
ce sta n'angolo a 'o ffrisco, 'o cchiù stramano.
Ce vede abbrile, e canta, e se 'ntrattene.
 
Vieni con me, che ti porto io, per mano,
per la strada dove, cantando, Aprile arriva.
E ci fermiamo dove, tra la verbena,
ci sta un angolo al fresco, il più nascosto.
Ci vede Aprile, e canta, e si intrattiene.
 
Bella, e addó' canta Abbrile,
certo te faje cchiù doce.
Parle e te tremma 'a voce,
vase e t'addora 'o sciato,
è doce ogne peccato.
 
Bella, dove canta Aprile,
certamente diventi più dolce.
Parli e ti trema la voce,
baci e ti profuma il fiato,
è dolce ogni peccato.
 
E' Abbrile, è Abbrile. E' Aprile, è Aprile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia