CANTA PE'MME'


musica Ernesto De Curtis testo Libero Bovio – 1909)


 
Canta pe' me, stanotte, na canzone,
tu ca si' bella e tiene 'a voce d'oro.
Cantammélla stanotte, ca si moro,
moro sentenno na bella canzone.
 
Canta per me, stanotte, una canzone,
tu che sei bella e hai la voce d'oro.
Cantamela stanotte, che se muoio,
muoio sentendo una bella canzone.
 
Canta na serenata 'e marenare,
ch' 'a tantu tiempo nun se canta cchiù.
Mare, stanotte, quanta varche a mare,
ma tu nun cante? Ma a che pienze tu?
 
Canta una serenata di marinai,
che da tanto tempo non si canta più.
Mare, stanotte, quante barche in mare,
ma tu non canti? Ma a che pensi tu?
 
Canta ca i' t'accumpagno cu 'a chitarra.
Chisà, stanotte, nun se sceta 'ammore,
ll'ammore sfurtunato e cantatore
ca niente vò', nu core e na chitarra.
 
Canta che io ti accompagno con la chitarra.
Chissà, stanotte, non si svegli l'amore,
l'amore sfortunato e cantante
che niente vuole, un cuore e una chitarra.
 
Canta, ca è bella Napule addurmuta,
cònnola d'oro pe' chi vò' sunná.
Ma tu che pienze sulitaria e muta?
Ma tu ch'aspiette ca nun vuó' cantá?
 
Canta, che è bella Napoli addormentata,
culla d'oro per chi vuol sognare.
Ma tu a cosa pensi solitaria e muta?
Ma tu che aspetti che non vuoi cantare?
 
E pecché chiagne si 'a nuttata è bella,
e si' figliola, e tiene 'a voce d'oro?
Canta pe' me, pe' me ca mme ne moro,
moro sentenno na canzone bella.
 
E perchè piangi se la nottata è bella,
e sei figliola, e hai la voce d'oro?
Canta per me, per me che muoio,
muoio sentendo una canzone bella.
 
Canta, luntana mia, ca si' turnata,
ca si' turnata e nun te ne puó' ghí.
Canta, pecché te tengo 'ncatenata,
pecché tu sola mm'hê 'a vedé murí.
Canta, lontana mia, che sei tornata,
che sei tornata e non te ne puoi andare.
Canta perchè ti tengo incatenata,
perchè tu sola mi devi veder morire.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia