CANZONA AMALFITANA


(Bonagura, Benedetto – 1952)


 
Só' mure janche da 'o sole pittate,
feneste verde, luggette fiurite,
cunvente appise, viarelle scavate
ca, dint'a ll'acqua, se stanno a specchiá.

Carulí', Carulí', guarda, guá', vide, vi'.
 
Sono muri bianchi dipinti dal sole,
finestre verdi, loggette fiorite,
conventi appesi, vicoli scavati
che, nell'acqua, si specchiano.

Carolina, Carolina, guarda, vedi, vedi.
 
Parla d' 'e viente 'a rosa amalfitana
e ll'aria addora tanto ca te stona,
mentre, p' 'o cielo, 'o suono 'e na campana
se stenne 'ncopp' 'a stesa 'e na canzone.

Carulí', Carulí', jammo, ja', dimme sí.
 
Parla dei venti la rosa amalfitana
e l'aria profuma così tanto che ti stordisce,
mentre, nel cielo, il suono di una campana
si stende sulla stesura di una canzone.

Carolina, Carolina, andiamo, dai, dimmi sì.
 
E s'è dinchiuta 'e smeralde na grotta,
na varca, po', na pittura scarlatta,
na roccia penza ch'a mare se vótta,
stanno, 'e tterrazze 'e limone, a gialliá.

Carulí', Carulí', statte, sta', zitta, zi'.
 
E si è riempita di smeraldi una grotta,
una barca, poi, una pittura scarlatta.
una roccia pensa che nel mare si butta,
stanno, le terrazze di limoni, a ingiallire.

Carolina, Carolina, stai, stai, zitta, zita.
 
Passa na varca a vela amalfitana,
ll'ora 'e mill'anne na campana sona,
mentre, 'e lampare d'oro, na cullana
se stenne sott' 'a stesa 'e na canzone.

Carulí', Carulí', stu ssunná' fa svení.
 
Passa una barca a vela amalfitana,
l'ora di mille anni una campana suona,
mentre, di lampare d'oro, una collana
si stende sotto la stesura di una canzone.

Carolina, Carolina, questo sognare fa svenire.
 
'Ncopp'a stu duomo, 'nnanze a 'sta marina,
stammo a vedé che fa, che vò' 'sta luna.

Marená', voca, vo', voca, vo' marená'.
Su questo duomo, davanti a questo porto,
stiamo a vedere che fa, che vuole questa luna.

Marinaio, rema, rema, rema, rema, marinaio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia