CANZONA BELLA


(V. Russo, Di Capua – 1904)


 
Vuje ca d' 'e bbelle la cchiù bella site,
veniteve a affacciá for' 'o balcone,
scetáteve nu poco, nun durmite,
sentite quant'è doce 'sta canzone.
 
Voi che tra le belle la più bella siete
venite ad affacciarvi al balcone,
svegliatevi un po', non dormite,
sentite quanto è dolce questa canzone.
 
Chesta canzone ca io stó' cantanno,
è tutta sentimento e 'spressione
che vène da nu core 'e passione.
Stu core ca, pe' vuje, soffre 'a n'anno.
 
Questa canzone, che io sto cantando,
è tutta sentimento ed espressione
che viene da un cuore di passione.
Questo cuore che, per voi, soffre da un anno.
 
Vurria addeventá chistu cuscino,
addó' 'sta faccia 'e rose vuje appujate.
Sul'accussí ve venarría vicino
e vasarría sti ttrezze avvellutate.
 
Vorrei diventare questo cuscino,
dove questo faccia di rose voi appoggiate.
Solo così vi verrei vicino
e bacerei queste trecce vellutate.
 
Bella, ca d' 'e bellizze ca tenite,
facite 'mmiria a 'e stelle 'e 'mmiez'ô cielo.
P' 'o scuorno, 'a luna giá s'ha miso 'o velo
pecché cchiù bella d'essa vuje parite.
 
Bella, che dalle bellezze che avete,
fate invidia alle stelle in mezzo al cielo.
Per la vergogna, la luna già si è messa il velo
perchè più bella di lei voi sembrate.
 
Tutte sti rrose 'e for'a 'sta fenesta,
aspettano ca forse v'affacciate.
Ve stanno priparanno giá na festa
pe' quanno vuje, da 'o suonno, ve scetate.
 
Tutte queste rose fuori dalla finestra,
aspettano che forse vi affacciate.
Vi stanno preparando già una festa
per quando voi, dal sonno, vi svegliate.
 
E si stu suonno, a vuje, ve dá arricietto,
pe' me, 'o suonno nun esiste maje.
Mme diceno 'e llenzole 'e dint' 'o lietto:
"Si vène nénna toja, durmarraje".
E se questo sonno, a voi, vi dà ordine,
per me, il sonno non esiste mai.
Mi dicono le lenzuola e nel letto:
"Se viene la tua bambina, dormirai".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia