CANZONA MARENARESCA


musicaRaffaele Bossi testo Eduardo Scala – 1920


 
Ricordo d' 'o ppassato,
nuttate belle 'e pesca a purpetielle.
Nénna, vucanno, a fianco a me cantava
e appassiunatamente mme vasava.
E mo s' 'a vasa n'ato.
 
Ricordo del passato,
nottate belle di pesca a polipetti.
La mia bimba, remando, accanto a me cantava
e appassionatamente mi baciava.
E ora la bacia un altro.
 
'O mare 'o smaledico, sí, pecché
quann'essa apparteneva ancora a me,
a tutt'e duje nce avev' 'a subbissá.
A tutt'e duje.
 
Il mare lo maledico, sì, perchè
quando lei apparteneva ancora a me,
a tutte e due ci doveva inabissare.
A tutti e due.
 
Oje má', pòrtalo ampresso
'o core 'argiento a Mamma d' 'a Catena
ca lle vulive appènnere pe' vuto
quanno 'a lassavo. 'O bbì'? Mme só' spartuto.
E moro senza d'essa.
 
Oh mamma, portalo subito
il cuore d'argento alla Madonna della Catena
che le volevi appendere per voto
quando la lasciavo. Vedi? Mi sono separato.
E muoio senza di lei.
 
'O mare 'o smaledico, sí, pecché
……………………………………..
 
Il mare lo maledico, sì, perchè
…………………………………..
 
Cumpagne marenare,
pe' chi c'è nato 'nterra a 'sta marina,
pe' chi capisce ll'onna quanno canta,
si s'alluntana, st'anema se schianta.
Cumpagne, è bello 'o mare.
 
Compagni marinai,
per chi c'è nato su questa marina,
per chi capisce l'onda quando canta,
se si allontana, quest'anima si schianta.
Compagni, è bello il mare.
 
'O mare, no, nun ll'aggi' 'a smaledí.
E' 'a femmena ca è 'nfama e fa suffrí.
'E tradimente suoje, c' 'e ffa scurdá
sultanto 'o mare.
Il mare, no, non lo devo maledire.
E la donna che è infame e fa soffrire.
Il suoi tradimenti, ce li fa dimenticare
soltanto il mare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia