CANZONA VESUVIANA


(E. A. Mario – 1916)


 
Se ne sagliesse â parte d'Uttajano
chi vò' campá cujeto, si vò' bene.
Saccio na casarella fore mano
cu duje balcune e, attuorno, 'e tterre chiene
'e resedá e garuófane schiavune.
 
Se ne salisse dalla parte di Ottaviano
chi vuole vivere tranquillo, se vuole bene.
Conosco una casetta fuori mano
con due balconi e, intorno, le terre piene
di resede e garofani schiavoni.
 
Jégne 'e ciardine 'e rose, 'a primmavera,
ll'autunno, 'mmiez'ê vvigne, ména ll'oro.
Ce canta 'o core mio, matina e sera,
e, tutto ll'anne, 'o core mio suspira.
 
Riempie i giardini di rose, la primavera,
l'autunno, tra le vigne, butta l'oro.
Ci canta il cuore mio, mattina e sera,
e, tutto l'anno, il mio cuore sospira.
 
E saglie 'o core mio 'ncopp' 'a muntagna,
addó' ll'ammore 'o vò' fá fá 'a vennegna.
Vase ca só' cchiù meglio d' 'o sciampagne.
E, quann' 'a 'ncigne, è tènnera e sanguegna
'sta vocca rossa, ch'è 'a cchiù bella vigna.
 
E sale il cuore mio sulla montagna,
dove l'amore lo vuol far fare la vendemmia.
Baci che sono meglio dello champagne.
E, quando inizi, è tenera e sanguigna
questa bocca rossa, che è la più bella vigna.
 
Acene d'uva sóngo 'e vase doce,
e cchiù arzulenta è ll'uva, e cchiù mme piace.
Chella è 'a passione che mm'abbampa e coce,
chella è 'a passione ca mme fa felice.
 
Acini d'uva sono i baci dolci,
e più matura è l'uva, e più mi piace.
Quella è la passione che mi infiamma e brucia,
quella è la passione che mi fa felice.
 
Saglimmo a duje. Cantammo. E canta ll'eco
pe' 'mmiez'a 'e chiuppe d' 'a muntagna amica
e ce desiderammo, 'o ppenzo, 'o vveco.
Lapillo 'e fuoco è 'ammore, quanno trica.
E trica, e ce fa ardente a poco a poco.
 
Saliamo in due. Cantiamo. E canta l'eco
in mezzo ai pioppi della montagna amica
e ci desideriamo, lo penso, lo vedo.
Lapillo di fuoco è l'amore, quando brucia.
E brucia, e ci fa ardenti a poco a poco.
 
E nuje saglimmo. E stammo 'ncielo quase.
Luntane, veco casarelle e chiese.
Ah, che funiculare sóngo 'e vase.
Nuje ce vasammo e ghiammo 'mparaviso.
E noi saliamo. E stiamo in cielo quasi.
Lontano, vedo casettine e chiese.
Ah, che funicolare sono i baci.
Noi ci baciamo e andiamo in paradiso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia