CANZONE APPASSIUNATA


(E. A. Mario – 1922)


 
N'albero piccerillo aggiu piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore.
Na ventecata giá mme ll'ha spezzato
e tutt' 'e ffronne cágnano culore.
Cadute só' giá 'e frutte e tuttuquante,
erano doce, e se só' fatte amare.
Ma 'o core dice: "Oje giuvinotto amante,
'e ccose amare, tiénele cchiù care".
E amara comme si', te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.
 
Un piccolo albero ho piantato,
crescendolo con pena e con sudore.
Una ventata già me l'ha spezzato
e tutte le foglie cambiano colore.
Sono già caduti tutti i frutti,
erano dolci, e sono diventati amari.
Ma il cuore dice: "Oh giovanotto amante,
le cose amare, tienile più care".
E amara come sei, ti voglio bene.
Ti voglio bene e tu mi fai morire.
 
Era comm' 'o canario 'nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera.
"Scétate" io dico e nun vò' stá scetato.
E mo, nun canta manco a primmavera.
Chi voglio bene nun mme fa felice,
forse sta 'ncielo destinato e scritto.
Ma i' penzo ca nu ditto antico dice:
"Nun se cummanna a 'o core". E i' mme stó' zitto.
E mme stó' zitto, sí,te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.
 
Era come il canarino innamorato,
questo cuore che cantò mattina e sera.
"Svegliati" io dico e non vuole star sveglio.
E ora, non canta nemmeno la primavera.
Chi voglio bene non mi fa felice,
forse sta in cielo destinato e scritto.
Ma io penso che un detto antico dice:
"Non si comanda al cuore". E io sto zitto.
E sto zitto, sì, ti voglio bene.
Ti voglio bene e tu mi fai morire.
 
Chiagno p'ammore, e cade 'o chianto mio
dint'a 'sta testa: 'o chianto 'a sta arracquanno.
Schiòppa na bella rosa e i', pe' gulio,
a chi mm'ha fatto chiagnere nce 'a manno.
Lle dico: "Rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza".
Ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
"Fa' bene e scorda e si faje male penza".
Pènzace buono sí, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.
Piango per amore, e cade il mio pianto
in questo vaso: il pianto la sta innaffiando.
Sboccia una bella rosa e io, per rabbia,
a chi mi ha fatto piangere la mando.
Le dico: "Rosa mia tu mi perdoni
se ti distruggerà senza coscienza".
C'è un detto che mi dà ragione:
Fai bene e dimentica e se fai male pensa".
Pensaci bene sì, ti voglio bene.
Ti voglio bene e tu mi fai morire.

Un commento su “Canzone appassiunata

  1. Imprescindibile per la comprensione e il godimento della lingua napoletana.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia