CANZONE A CHIARASTELLA


(Di Giacomo, Falvo – 1912)


 
Ogne canzone tene 'o riturnello,
ca è comme fosse 'o pierno 'e ogne canzone
e, ca pe' tanto è cchiù azzeccuso e bello,
pe' quanto cchiù se 'ntreccia 'e 'spressione.
Uno a memoria mme n'era venuto,
scritto e furmato 'a nu maesto 'e scola.
"E pòrtale" diceva "il mio saluto.
Vola palomma mia, palomma vola".
 
Ogni canzone ha il ritornello,
che è come se fosse il perno di ogni canzone
e, più è appiccicoso e bello,
tanto più si intreccia di espressione.
Uno a memoria mi era venuto,
scritto e firmato da un maestro di scuola.
"E portale" diceva "il mio saluto.
Vola colomba mia, colomba vola".
 
Ma giacché sti pparole
nun ce sta cchiù chi 'e ttrova
o nun s'usano cchiù.
Giacché st'ammore nuosto
è na canzona nova,
'o riturnello suojo,
Chiarastella,
si' tu.
 
Ma visto che queste parole
non c'è più chi le trova
o non si usano più.
Visto che questo amore nostro
è una canzone nuova,
il ritornello suo.
Chiarastella,
sei tu.
 
'A 'gnora, ch'ogne sera, puntualmente,
d' 'e bbelli tiempe suoje ll'uso ce avanta,
se fa quacch'aria antica vení a mente
e, pe' ce 'a fá 'mpará, piglia e ce 'a canta.
Canta, scappáta a suonno quase quase:
"Bella leggiadra sei più di una rosa".
'Sta vocca è 'a calamita 'e tutt' 'e vase
e siente t'aggi' 'a dicere na cosa.
 
La signora, che ogni sera, puntualmente,
dei bei tempi suoi si vanta,
si fa qualche aria antica venire in mente
e, per farcela imparare, prende e ce la canta.
Canta, appena sveglia quasi quasi:
"Bella leggiadra sei più di una rosa".
Questa bocca è la calamita di tutti i baci
e senti ti devo dire una cosa.
 
Ma giacché sti pparole
…………………………
Ma visto che queste parole
……………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia