CANZONE NAPULITANA


(E. A. Mario – 1912)


 
Vola canzone e va', doce e curtese,
pe' cielo e mare,
pe' ll'aria 'e chesti mmatenate chiare.
Di' a tuttuquante: "Vengo 'a nu paese
addó' se gode meglio 'a giuventù".
 
Vola canzone e vai, dolce e cortese,
per cielo e mare,
per l'aria di queste mattinate chiare.
Di' a tutti quanti: "Vengo da un paese
dove si gode meglio la gioventù."
 
E, fino a quanno ce sta ancora Napule,
dincello, va',
dincello, va'.
"Uocchie ca chiagnono,
core ca soffrono,
nun ce hann' 'a stá!"
 
E, fino a quando c'è ancora Napoli,
diglielo, vai,
diglielo, vai.
"Occhi che piangono,
cuori che soffrono,
non ce ne devono essere!"
 
Canzone mia, te scrivo pe' tramente
nénna sta allèra,
e tengo 'a vocca soja pe' Primmavera.
Tengo, pe' sole, ll'uocchie suoje lucente,
ll'arbere 'e pigna e 'o mare attuorno a me.
 
Canzone mia, ti scrivo mentre
il mio amore è allegra,
e ho la sua bocca per Primavera.
Ho, per sole, gli occhi suoi lucenti,
gli alberi di pigna e il mare intorno a me.
 
E, fino a quanno ce sta ancora Napule,
……………………………………………..
 
E fino a quando c'è ancora Napoli,
……………………………………….
 
Vola canzone, addó' nun truove sole,
né primmavere,
e parla 'e chesti mmatenate allère.
Porta 'a prijezza 'e tutte sti ffigliole
che cámpano d'ammore e di' accussí,
 
Vola canzone, dove non trovi sole,
né primavere,
e parla di queste mattinate allegre.
Porta la brezza di tutte queste figliole
che vivono d'amore e di' così,
 
ca, fino a quanno ce sta ancora Napule,
………………………………………………
che, fino a quando c'è ancora Napoli,
…………………………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia