CANZONE 'E TERZINGNO


(A. Palomba, L. Bifulco)


 
Dinto settembre, 'o mese cchiù sanguegno,
bello è stu manto d'oro d' 'a campagna,
'o pergulato mio, cárreco 'e pigne
d'uva ammatura d'ácene russagne,
quase mme chiamma, s'ha da fá 'a vennegna.
 
In settembre, il mese più sanguigno,
bello è questo manto d'oro della campagna,
il mio pergolato, pieno di grappoli
di uva matura di acini rossicci,
quasi mi chiama, si deve fare la vendemmia.
 
Viene cu me,
statte cu me,
dint' 'a campagna te voglio tené.
A faticá
t'aggi' 'a purtá,
po', dint' 'a vigna,
te voglio vasá.
 
Vieni con me,
stai con me,
in campagna ti voglio tenere.
A lavorare
ti devo portare,
poi, nella vigna,
ti voglio baciare.
 
A pigne a pigne, ll'uva 'int' 'o canisto,
cade tagliata da sti mmane noste.
Tu dice: "E' tarde, jammuncenne, basta".
Io nun só' stanco ancora e dico: "Resta.
N'atu vasillo, dimme, che te costa?"
 
A grappoli a grappoli, l'uva nel cesto,
cade tagliata da queste nostre mani.
Tu dici: "E' tardi, andiamocene, basta".
Io non sono ancora stanco e dico: "Resta.
Un altro bacino, dimmi, che ti costa?
 
E i' vaso a te,
tu vase a me,
chesta vennegna
ce fa stravedé,
ce fa 'ncantá,
ce fa sunná.
Tramonta 'o sole,
ma nuje stammo ccá.
 
E io ti bacio,
e tu mi baci,
questa vendemmia
ci fa stravedere,
ci fa incantare,
ci fa sognare.
Tramonta il sole,
ma noi stiamo qui.
 
N'anno è passato e mo è turnato 'o mese
che 'a vigna è chiena 'e piénnule zucuse.
Fatico i' sulo, tu rummane â casa
cu nu criaturo a pietto 'e quatto mise.
Tiempo 'e vennegna, ma che bella cosa.
 
Un anno è passato e ora è tornato il mese
in cui la vigna è piena di grappoli succosi.
Lavoro solo io, tu rimani a casa
con un bambino in grembo di quattro mesi.
Tempo di vendemmia, ma che bella cosa.
 
Terzigno1 ohé,
ringrazio a te
si na famiglia
mme trovo cu me.
Mme faje campá,
mme faje sunná.
'Ntiempo 'e vennegna
mme metto a cantá.
Terzingno1 eh,
ringrazio te
se una famiglia
mi ritrovo con me.
Mi fai vivere,
mi fai sognare.
In tempo di vendemmia
mi metto a cantare


1 Terzigno è un comune di circa 16000 abitanti della provincia di Napoli, nato nel 1920 dalla divisione di Ottaviano. Il fertile suolo vulcanico rende possibile la coltivazione dell'uva e la produzione del rinomato vino "Lacryma Christi".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia