CARCERE


(Bovio, Albano)


 
Carcere ca mme tiene carcerato,
privo d' 'a libertá, senza n'ajuto,
tutte ll'amice mm'hanno abbandunato,
pur' 'e pariente mm'hanno scanusciuto.
Aggio fatto rebbene a tutte quante
e chesto n'aggio avuto: tradimente.
Sabato a sera, la mia cara amante
è ghiuta a Piererotta alleramente.
 
Carcere che mi tieni carcerato,
privo della liberta, senza un aiuto,
tutti gli amici mi hanno abbandonato,
anche i parenti mi hanno disconosciuto.
Ho fatto del bene a tutti
e questo ho ricevuto: tradimenti.
Sabato sera, la mia cara amante
è andata a Piedigrotta allegramente.
 
Anèlle, anèlle…
Zompa chi pò. La mia amirosa abballa,
e io stó' 'a vintuno mise 'int' 'e ccancelle.
Per la mia bella…
Anelle, anelle…
 
Anelli, anelli…
Salti chi può. La mia ragazza balla,
e io sto da ventuno mesi dietro alle sbarre.
Per la mia bella…
Anelli, anelli…
 
Chiagnere t'aggi' 'a fá comme chiagn'io,
e t'aggi' 'a fá pruvá ch'amaro è 'o chianto.
Quanto t'amavo. E mo si' ll'odio mio.
Mo te disprezzo. E t'apprezzavo tanto.
Pe' te stó' dinto ccá, pe' st'uocchie belle.
E stó' cuntanno 'e mise, 'e juorne, ll'ore.
Quann'haje 'a nutizia ch'esco da 'e ccancelle,
meglio ca 'spátrie 'ncopp'a nu vapore.
 
Piangere ti devo fare, come piango io,
e ti devo far provare com'è amaro è il pianto.
Quanto ti amavo. E ora sei l'odio mio.
Ora ti disprezzo. E ti apprezzavo tanto.
Per te sono qui dentro, per questi occhi belli.
E sto contando i mesi, i giorni, le ore.
Quando avrai la notizia che esco dal carcere,
meglio che espatri su una nave.
 
Sciore 'e granato…
Chisto è n'avvertimento e nu saluto
per voi, signora, e per il vostro amato.
Bona salute,
sciore 'e granato…
Fiore di granito…
Questo è un avvertimento e un saluto
per voi, signora, e per il vostro amato.
Buona salute,
fiore di granito…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia